Medio oriente in crisi, ritorno alla road map?

“Dalla frattura fra i palestinesi a quella fra Teheran e Mosca, ecco le occasioni di Israele”. Parla Kobi Michael

17 Maggio 2018 alle 06:20

Medio oriente in crisi, ritorno alla road map?

Abu Mazen (foto LaPresse)

Berlino. Raggiungere l’ambìto accordo di pace definitivo con i palestinesi, quello a 360 gradi su confini, rifugiati e status di Gerusalemme, resta una priorità ma non è più all’ordine del giorno. E’ una contraddizione solo apparente quella che Kobi Michael, stratega israeliano e ricercatore dell’Institute for National Security Studies, illustra nel corso di un’intervista concessa al Foglio e al canale all news tedesco Ntv. All’obiettivo si potrà arrivare fra una generazione: il ritardo che non dipende né dall’inaugurazione dell’ambasciata americana...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi