cerca

La soluzione di Trump alle sparatorie a scuola: armare gli insegnanti

A una settimana dal massacro di Parkland i familiari e le vittime di sparatorie scolastiche hanno incontrato il presidente alla Casa Bianca

22 Febbraio 2018 alle 16:14

Loading the player...

Un padre che piange la figlia diciottenne e sfoga la sua rabbia implorando per avere scuole più sicure. Uno studente terrorizzato che il 14 febbraio scorso ha visto morire i suoi compagni di classe e ora chiede, in lacrime, di bandire le armi d'assalto. Una madre che cinque anni fa ha perso il figlio di 6 in una sparatoria a scuola e domanda al presidente americano Donald Trump di agire: "Non lasci che questo accada ancora sotto il suo sguardo". Mercoledì pomeriggio i familiari e le vittime di sparatorie scolastiche hanno incontrato il presidente alla Casa Bianca. Una cosa che solitamente avviene in forma privata, questa volta è stata ripresa da decine di telecamere. A una settimana dal massacro di Parkland – uno dei casi con più vittime nella storia degli Stati Uniti, che ha superato anche quella più nota alla Columbine High School – uno alla volta i sopravvissuti e i parenti delle vittime hanno condiviso le loro storie e le loro proposte e dato voce a un dibattito pubblico molto carico di emotività. Solo la settimana scorsa, infatti, un diciannovenne armato ha aperto il fuoco con un fucile d'assalto AR-15 alla Marjory Stoneman Douglas High School, un liceo di Parkland, in Florida, e ha ucciso 17 persone.

      

La strage prevedibile

Il profilo dello stragista della Florida era pieno di segnali di pericolo ignorati

  

Tra le questioni che hanno più fatto discutere nello scambio di opinioni a Washington c'è stata la dichiarazione del presidente di dotare gli insegnanti di armi. Una proposta che, secondo Trump, potrebbe impedire altre sparatorie scolastiche: con una pistola nascosta, docenti e allenatori potrebbero porre fine agli attacchi "molto rapidamente". Una proposta simile è stata a lungo sostenuta anche dalla lobby delle armi, l'Nra. "Se gli insegnanti avessero una pistola nascosta", ha detto Trump, pur riconoscendo che il piano è controverso, "e frequentassero un addestramento speciale non ci sarebbe più una zona senza armi", che per i killer sono come praterie in cui scorrazzare e ammazzare gente sapendo che non ci sono pericoli. "Un attacco dura, in media, circa tre minuti", ha spiegato Trump. "Ci vogliono dai cinque agli otto minuti per i soccorritori, perché la polizia entri, quindi l'attacco è finito. Se tu avessi un insegnante abile nell'uso delle armi da fuoco, potrebbe benissimo terminare l'attacco molto velocemente".

   

"Quell'allenatore è stato molto coraggioso, ha salvato molte vite", ha aggiunto il presidente, riferendosi ad Aaron Feis, l'allenatore dello Stoneman Douglas che sarebbe morto facendo scudo con il suo corpo per proteggere alcuni studenti. "Ma se avesse avuto una pistola, non avrebbe dovuto correre, avrebbe sparato e sarebbe stata la fine di tutto".

     

L'inquilino della Casa Bianca ha chiesto anche migliori controlli in merito all'acquisto di armi da fuoco, con controlli di background rafforzati e migliori verifiche sulla salute mentale dei compratori. Martedì, i legislatori della Florida hanno respinto una proposta sul divieto di vendita di armi d'assalto, molto criticata dai sostenitori del secondo emendamento, che regola il diritto di portare armi. Le autorità della Florida hanno detto tuttavia che prenderanno in considerazione l'innalzamento dell'età minima per acquistare fucili d'assalto – come quello usato nel massacro di Parkland – dai 18 ai 21 anni.

      

Senza un fucile d’assalto, il mostro è meno mostruoso

La strage nella scuola in Florida e quello status quo sulle armi che deforma i volti degli adulti

   

Mettere un insegnante armato in ogni classe è tuttavia un argomento estremamente divisivo, come ha dimostrato lo stesso Trump: un sondaggio del 2013 della National Education Association ha rilevato che solo il 22 per cento degli insegnanti approvava l'idea di armare il personale, mentre il 68 per cento degli insegnanti era contrario. E il 72 per cento degli insegnanti ha detto che non vorrebbe portare una pistola in classe anche se la legge lo consentisse.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    22 Febbraio 2018 - 20:08

    Difficile opinare con chi nasce in una patria dove tutti possono detenere armi di qualsiasi tipo, cosa per noi inimmaginabile. Ma qui, prima del problema delle armi, si pone il problema SCUOLA. Problema gravissimo che non riguarda solo gli Stati Uniti ma tutte le Università e la Scuola dei Paesi occidentali. Problema gravissimo perché la Scuola è l'apice del livello culturale e civile di ogni nazione, il meglio delle risorse umane di ogni popolo e patrimonio da offrire alla nuova generazione per investirvi il proprio futuro. Se, dunque, tutto codesto immenso patrimonio valoriale di civiltà tra la nostra e la subentrante de-generazione si è ridotta ad un duello tra chi spara prima...!!!

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    22 Febbraio 2018 - 18:06

    L’impero Occidentale in mano a simili presidenti fa tremare i polsi. Il popolo fa tremare i polsi. La democrazia fa tremare i polsi quando la si vede così malridotta. L’Europa arranca, Macron tiene i confini, la Metkel paga il pietismo di un milione di siriani all’improvviso. Attenti al pericolo giallo diceva Mussolini e su questo comincia ad avere ragione.

    Report

    Rispondi

  • branzanti

    22 Febbraio 2018 - 16:04

    Più armi non generano mai meno vittime. Mi sembra molto evidente, ma non per tutti!!!! Con tutti i problemi che abbiamo, sono comunque lieto di vivere in Italia.

    Report

    Rispondi

Servizi