editoriali

Bassa propaganda anti Mes

Redazione

“Ci presta i soldi nostri!”, la bufala sovranista che non distingue capitale e debito

La narrazione, o meglio la propaganda, anti Mes è dominante nel paese e in tutto l’arco politico, nella maggioranza e nell’opposizione. Le forze liberali, riformiste e di buon senso sono infatti minoritarie in entrambi gli schieramenti: Pd e Iv schiacciati dal M5s, Forza Italia da Lega e FdI. Questa narrazione si sviluppa con una retorica antieuropeista innestata su alcuni fattoidi. Una volta tolte dal campo le inesistenti condizionalità segrete, come confermato dal Mes e dalla Commissione europea, la propaganda sovranista si è lanciata su un altro fattoide: il Meccanismo europeo di stabilità dà all’Italia gli stessi soldi che l’Italia ha dato al Mes, per giunta facendosi pagare gli interessi. Altro che regalo, è usura! “Di quei 36 miliardi massimo che potremo avere dal Mes sanitario, 14 sono i nostri che abbiamo già dato al Mes”, dice Carlo Fidanza, capo delegazione di Fratelli d’Italia al Parlamento europeo. E, allo stesso modo, la leader della destra italiana, Giorgia Meloni, dice intervistata da Fabio Fazio: “Nel Mes ci abbiamo messo 14 miliardi e adesso ci vogliono prestare i soldi nostri. Non mi pare un affarone”. Si tratta, ovviamente, di una cosa falsa. I 14 miliardi che l’Italia ha versato sono la quota di capitale del Mes, che con il 18 per cento di capital key ci garantisce il diritto di veto sulle decisioni più importanti. E’ quindi un capitale, un titolo di proprietà, che avevamo prima e avremo anche dopo un eventuale prestito. I 36 miliardi sono invece una linea di credito. Insomma, mischiare le due cose è come confondere le azioni di una banca con un mutuo. Una stupidaggine, che mostra ignoranza dei meccanismi finanziari e istituzionali, ma che viene sventolata con orgoglio nel dibattito pubblico. Più in generale, bisognerebbe ricordare che quei 14 miliardi sono stati uno dei migliori investimenti dello stato italiano: perché la partecipazione al Mes, con relativa protezione delle Omt della Bce, ci ha fatto risparmiare decine e decine di miliardi di spesa per interessi, probabilmente salvandoci da un default. E ora quell’investimento può farci avere un finanziamento a tasso zero anti Covid-19. 14 miliardi è circa quanto lo stato ha speso per un investimento patriottico a perdere come Alitalia.

Di più su questi argomenti: