cerca

L’immigrazione richiede regole non urla

C’è una bella differenza tra il “no way” australiano e il pasticcio della Diciotti

30 Agosto 2018 alle 20:29

L’immigrazione richiede regole non urla

Foto LaPresse

Andrebbe chiarito una volta per tutte, a beneficio dell’igiene del dibattito pubblico, che non esiste nessun parallelo tra la cosiddetta Operation Sovereign Borders, operata dall’Australia nei confronti dell’immigrazione clandestina, il severo e legittimo protocollo avviato il 18 settembre del 2013 dal primo ministro Tony Abbott, e quello che è successo in Italia con la nave Diciotti. E insomma non corrisponde in nessun modo a verità l’affermazione secondo la quale il ministro dell’Interno Matteo Salvini sia – come vorrebbero sostenere alcuni...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    31 Agosto 2018 - 12:12

    Intanto le regole per arrivare ad una situazione auspicabile come quella autraliana ancora non ci sono e chissà se ci saranno, perché i nostri paesi "alleati" dell'UE, tipo la Francia, non ne vogliono sapere di cambiare le normative attuali. Come ad esempio l'operazione Sophia, in cui Renzino barattò 80 euro, mance e mancette con l'onere di portare tutti i clandestini intercettati in Italia. Vaglielo a dire oggi che non siamo più d'accordo. Chiedere al ministro Trenta cosa le hanno risposto i nostri "alleati" quando ha proposto sbarchi a rotazione: una sonora pernacchia. Però almeno un risultato Salvini l'ha ottenuto: le navi ONG, taxi del traffico di clandestini, si stanno spostando verso la Spagna, a "dare una mano" là. Vedremo nel tempo quanto il governo spagnolo ne sarà contento, il quale governo per inciso ha riportato in Marocco i clandestini che avevano superato le barriere a Ceuta e Melilla. Si chiama respingimento.

    Report

    Rispondi

  • Daria

    31 Agosto 2018 - 08:08

    Egregio giornalista...il parallelo che c'è, ed anche notevole, che Italia ed Australia: - sono le mete preferite dei clandestini, la prima per gli africani, la seconda per gli asiatici; - entrambe non ricevono aiuti da nessuno; - entrambe si sono scocciate di essere invase abusivamente da estranei. Le basta?

    Report

    Rispondi

Servizi