cerca

La Travaglio associati prenda lezioni dai francesi quando parla di Tav

I no tav “ambientalisti” che vanno contro l’ambiente e tutte le magiche fake news dei nemici dell’alta velocità

1 Agosto 2018 alle 20:38

La Travaglio associati prenda lezioni dai francesi quando parla di Tav

Al direttore - Marco Travaglio, è un ottimo giornalista, ha una serie di abilità narrative che pochi giornalisti hanno. Capita talvolta che gli manchino una serie di nozioni tecniche e di informazioni. Oppure le ha, ma finge di non conoscerle per raccontare la sua “verità”. Così come quando dice che il Tav Torino-Lione è un progetto degli anni ‘80. Non sa, o finge di non sapere, che in realtà questa è un’opera che ha subito diverse modifiche negli anni, come ad esempio i cambi di tracciato che hanno stravolto completamente il progetto iniziale, aggiornandolo alle effettive necessità trasportistiche. Usa però la parola dogma, che è la stessa che ho utilizzato più volte io parlando dei suoi cari amici no tav.

 

Sapere che Marco Travaglio utilizza talvolta i miei stessi vocaboli, è per me un motivo di grande lustro! Ma torniamo a noi, parlavamo delle grandi qualità narrative di Travaglio, a queste bisogna anche affiancare dei contenuti più concreti e magari contestualizzati. Bisogna ad esempio raccontare che il Portogallo, che ha rinunciato a stare nel corridoio 5, aveva valori di spread che sfioravano i 2000 punti, quello stesso spread che il governo del cambiamento, grillino-leghista, sta facendo aumentare quotidianamente. E questa è una promessa mantenuta in quanto a cambiamento, i governi del Pd hanno stabilizzato lo spread negli anni passati, il governo gialloverde sta riuscendo nell’impresa di aumentare questo indicatore.

 

E bisogna anche raccontare che la favoletta dei costi delle grandi opere che in Italia aumentano è una bufala, infatti in questo caso i conti sono chiari e non modificabili suddivisi equamente tra Francia ed Italia con un contributo dell’Unione europea del 40 per cento, elemento che ovviamente Travaglio dimentica. E bisogna anche raccontare che quella dell’amianto è una bufala un po’ posticcia, sconfessata da ogni tipo e grado di studio, oltre a non essere mai stato trovato nello scavo del tunnel geognostico di 7,5 km. A Chiomonte non c’è traccia. A tal punto, gli consiglio di non sprecare tempo citando l’uranio come hanno fatto suoi illustri compari di viaggio no tav, anche quella bufala è stata smentita da studi e ricerche. Anche in questo caso nessuna traccia nella montagna scavata.

 

E’ chiaro che una linea costruita da Cavour, 160 anni fa, non sia funzionale, altrimenti non serviva farne una nuova. Consiglio a Travaglio di intervistare i ferrovieri che lavorano tutti i giorni sulla linea storica, magari facendo un viaggio con loro, capirebbe immediatamente quante sciocchezze vengono dette su questo punto. Travaglio ovviamente cita un’altro feticcio, quello dello stop dei lavori in Francia, così come fanno altri suoi compari no tav, anche quella una bufala bella e buona. I francesi stanno scavando sul lato francese, precisamente a Saint Jean de Maurienne, cantiere senza la presenza di un solo gendarme, perché in Francia neanche i centri sociali e gli anarchici protestano contro il Tav. Se Travaglio volesse lo accompagnerei molto volentieri a vedere lo scavo, incontrare gli operai e fare un giro nei 4 km scavati dentro la montagna. E’ un invito ufficiale, caro Marco.

 

Ad oggi l’Unione Europea ha già fatto lavori per 750 milioni e sia Francia sia Italia hanno già speso 325 milioni. A questi si aggiunge il nuovo finanziamento già concesso ad Italia e Francia dall’UE nell’esercizio 2015-2020, ovvero 813 milioni (ripartiti tra Italia e Francia) che, se restituiti, andranno spesi in altri Paesi, aumentando il nostro svantaggio. Tralasciando per un momento i contenziosi, bisognerà spendere altri 200 milioni circa per il ripristino e la messa in sicurezza degli oltre 24 chilometri di tunnel già scavati e dei relativi cantieri. Che facciamo? Buttiamo via tutto? Ci sono bufale per ogni lettore, ci sono le bufale economiche, quelle infrastrutturali, quelle ambientali e quelle merceologiche: lettore che hai, bufala che trovi. Peccato che negli anni tutte queste bufale siano state smentite dai fatti e dagli studi, gli stessi che Travaglio ignora o fa finta di ignorare, tanto si sa gli italiani sono pigri e non verificano le fonti quasi mai.

 

Nel frattempo che in Italia si scrivono storielle dalla facile indignazione e dalla rapida condivisione, in Francia i cantieri vanno avanti e gli ambientalisti d’oltralpe fanno il tifo sfrenato per un’opera in grado di ridurre il trasporto su gomma (e quindi tanto smog) dalle loro strade. Noi invece, in Italia, abbiamo il movimento no tav che dichiara di battersi per l’ambiente ma che in realtà si batte contro un treno favorendo così il partito della gomma e i signori delle autostrade. Curioso che di questo il buon Travaglio non parli mai. Un dato che pure dimentica Travaglio o molto semplicemente non conosce è il transito dei TIR sui valichi alpini: ad aumentare al momento è proprio il trasporto su gomma, che vede una crescita di 100 mila tir in più ai varchi rispetto al 2016. Se poi vogliamo ampliare il periodo osservato, rispetto al 2013 i tir aumentano di oltre 325 mila. Manca poco, poi arriveremo alla soglia limite di 3 milioni di tir l’anno ai valichi dell’arco alpino occidentale, una soluzione non più sostenibile a livello di ambiente e di traffico. Togliere i TIR dalle strade è il primo obbiettivo di chi vuole il tav. Non penso che la partecipazione a qualche manifestazione faccia di un giornalista un esperto tecnico notav, per queste cose ci sono i tecnici, gli stessi che il governo del cambiamento, giusto per cambiare, non vuole ascoltare perché sa perfettamente che verrebbero meno tutte le storie false che Toninelli e Di Maio raccontano tutti i giorni. Mi piacerebbe confrontarmi con Travaglio su questa opera, un confronto pubblico con un arbitro, terzo, che conosce i dati. Decida lui come e quando io ci sono sempre. E’ ora di cambiare per davvero, non prendendo in giro i cittadini ma raccontando loro la verità che spesso può essere impopolare, ma è pur sempre la verità!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi