cerca

Leo Messi, traditore per contratto dei fratelli catalani

In caso di secessione, e dunque di uscita del Barça dalla Liga, l'argentino sarà libero di andarsene a parametro zero

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

6 Gennaio 2018 alle 06:00

Leo Messi, traditore per contratto dei fratelli catalani

Avete presente, per forza e per disperazione, il gioco più stucchevole e inevitabile del mondo: Coppi o Bartali? Sì, quello. In politica: il Cav. o Renzi? In amore: Jenna Jameson o Valentina Nappi? Applicato al calcio, ovviamente, è: Cristiano Ronaldo o Messi? Bene, almeno questa del calcio l’ho risolta. Per sempre. CR7 tutta la vita, che almeno è un lusitano mercenaro, è sempre andato e sempre andrà dove lo porta il vento. Invece Messi, Leo Messi. L’Argentino. Ha appena firmato un contratto a vita con il Barcellona més que un club, la squadra che l’aveva raccattato bambino e gracilino e ne ha fatto un dio, un contratto che dire faraonico è un insulto alle piramidi. Beh, che ti fa, adesso, l’argentino? L’argentino di Rosario, per giunta, la città del Che Guevara, di Gato Barbieri, di Maurito Icardi, amori veri. Insomma ’sto senza patria, nel suo contratto principesco che Mohammed Bin Salman è un dilettante al confronto, ha fatto inserire una clausola: in caso di secessione della Catalogna dalla Spagna, e dunque di uscita del Barça dalla Liga, lui sarà libero di andarsene a parametro zero. Non posso pensarci, a Pep Guardiola che sta piangendo, lassù a Manchester. Non posso pensarci a questa Pulce che avevamo eletto dio, che ci lascia lì, noi fratelli corsati della Costa Brava. Meglio Cristiano Ronaldo, tutta la vita. Anzi va’: Meglio anche Mazzarri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi