cerca

Buoni e cattivi

Promosso Giovanni Toti, che rimette il nord al centro della proposta politica

22 Giugno 2019 alle 06:16

Buoni e cattivi

Giovanni Toti (foto LaPresse)

Seconda puntata della rubrica con cui ci dilettiamo a fare una valutazione di ciò che di buono e meno buono succede in questo strano e meraviglioso paese. Cominciamo con le buone notizie. C’è una novità interessante che riguarda la politica. Non parlo della richiesta pressante di Matteo Salvini di introdurre (finalmente) la flat tax, che ho già elogiato e che ovviamente sottoscrivo. Il buono questo mese lo do a Giovanni Toti. Il governatore della Liguria ha organizzato un’iniziativa politica interessante, chiamando a raccolta a Roma, il prossimo 6 luglio, tutti coloro che vogliono evitare la fine ingloriosa dell’epoca berlusconiana e della sua storia di concretezza e attenzione alle esigenze del mondo produttivo. “Serve costruire un polo moderato – dice Toti – io vengo dal nord, conosco quel mondo, quelle istanze”. Ecco, chi rimette il nord al centro della proposta politica merita buono. A credito, certo: vedremo se riuscirà a ricostruire il centrodestra mandando a casa i grillini amanti della decrescita infelice. Il cattivo va di diritto (è proprio il caso di dirlo) alla magistratura italiana. O meglio, a una parte della magistratura. Quella parte che predica rigore e poi infrange le regole, quella che attacca i politici e poi inciucia con loro di nascosto, quella che si propone come nuova classe dirigente incorruttibile e poi si rivela un verminaio di traffici illeciti per spartirsi poltrone e potere. Peggio della peggiore politica dell'epoca di Mani Pulite. Bleah! Stay tuned

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • maropadila

    29 Giugno 2019 - 09:09

    Invece è buona quella parte della magistratura che ha raggiunto l’accordo con gli avvocati della Lega Nord per la restituzione a scaglioni dei 49 milioni di euro di rimborsi elettorali a seguiito dell’inchiesta sulla maxi truffa ai danni dello Stato, con un piano di pagamenti da 600mila euro l’anno (ci vorranno più di 80 anni).

    Report

    Rispondi

Servizi