cerca

Ritornano i paesaggi di Guido Guidi

Finalmente il potere culturale internazionale si è accorto di uno dei nostri fotografi maggiori viventi

1 Dicembre 2018 alle 06:00

Ritornano i paesaggi di Guido Guidi

"Gibellina" di Guido Guidi (foto presa dal sito dell'autore)

Finalmente il potere culturale internazionale (Guardian, Le Monde, Frieze) si è accorto di uno dei nostri fotografi maggiori viventi, Guido Guidi. Maestro appartato di Cesena, studente di Bruno Zevi e Carlo Scarpa allo Iuav di Venezia (dove ha insegnato a lungo), protagonista del Viaggio in Italia di Luigi Ghirri e Gianni Celati, ma autore completamente autonomo e amante delle vie meno battute come la strada Romea o quelle del Triveneto o in generale lungo l'Adriatico. Negli ultimi anni è stato molto utile il lavoro critico di Antonello Frongia prima e di Francesco Zanot poi, consulente e direttore di diverse istituzioni pubbliche e private (Pac, Osservatorio Prada sulla Fotografia, Galleria Viasaterna), ma soprattutto collaboratore della casa editrice londinese Mack già responsabile del rilancio internazionale di Ghirri.

 

“Per strada” (pp. 464, €60 euro), presentato ad Artissima, è il titolo di un trittico riunito in un cofanetto e pubblicato sempre da Mack che raccoglie paesaggi guidiani degli anni Ottanta e Novanta dalla via Emilia alta fino alla sua Romagna, quella interna più cupa, intimista, che guarda verso il Casentino e il Montefeltro di Piero della Francesca, più che alla riviera tondelliana. La strada per Guidi non è solo quella carrabile, ma anche e soprattutto un percorso sghembo e obliquo come una fila di pali, un lungo fiume, un sentiero fra gli alberi. I paesaggi guidiani sono scenari ideali per i personaggi del racconto di Silvio D'Arzo, “L'uomo che camminava per le strade”: soldatini abbandonati, insegnanti disillusi, adolescenti già stanchi, fedeli che pregano un Dio “solo, senza desideri, avvolto da arcipelaghi di nubi”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi