cerca

Come è umanista la matematica

Che cosa ci insegna sulla scuola la medaglia Fields ad Alessio Figalli

1 Agosto 2018 alle 21:14

Come è umanista la matematica

Alessio Figalli

Alessio Figalli ha vinto la medaglia Fields, il premio più importante al mondo per la matematica. Alfred Nobel non aveva voluto introdurre questa disciplina nell’elenco di quelle che ricevono il premio da lui istituito, ma da molto tempo molti Nobel per l’Economia vengono attribuiti a matematici. Una particolarità del premio ricevuto da Figalli (che è nato a Roma 34 anni fa) è che viene attribuito a matematici che hanno meno di 40 anni. Figalli ha studiato alla Normale di Pisa,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    02 Agosto 2018 - 16:04

    Al direttore - Matematica e politica. Figalli - ci siamo posti e abbiamo risolto il seguente problema: “Se io agisco con una forza esterna su una bolla di sapone o su un cristallo, si può stimare quanto la forma è stabile rispetto a perturbazioni esterne?”.Cioè a quante unità di forza esterna - N - le rispettive forme native possono resistere mantenendo la loro stabilità? Se ipotizziamo, immaginiamo, senza quei due processi mentali, la matematica non potrebbe esistere, d’assimilare i partiti, i movimenti, le aggregazioni di categoria, a bolle di sapone o cristalli arriveremo alla conclusione che anche la medaglia Fields si trova spiazzata: la variabilità delle tensioni superficiali nei casi immaginati, non ubbidisce a leggi fisiche, come per bolle e cristalli, ma a emozionalità metafisiche in perenne conflittuale fieri. Il trasporto, del consenso, non potrà mai manifestarsi in modo “ottimale”. Amen.

    Report

    Rispondi

  • Chichibio

    02 Agosto 2018 - 14:02

    Scarsa propensione italica alla matematica? Anche alla scienza, persino alle nozioni più semplici. Basta pensare le signore che divulgando ricette in tivvù usamo gli emmeelle come unità di misura di volume. O, sempre in tivvù, i decimali di potenza dei terremoti espressi non con virgola ma con il punto (questo a onor del vero è anche colpa delle calcolatrici tascabili).

    Report

    Rispondi

  • sàlibo

    sàlibo

    02 Agosto 2018 - 07:07

    Abbiamo altri due ottimi esempi: Robert Musik, ingegnere meccanico, e Juan Rodolfo Wilcock, ingegnere civile

    Report

    Rispondi

  • albertoxmura

    01 Agosto 2018 - 21:09

    Onore e gloria a Figalli. Tuttavia, a parte i suoi meriti, ci sono anche considerazioni meno liete a latere di questo premio. Basta guardare il "medagliere" Fields per rendersi subito conto che l'Italia, anche nella ricerca matematica, è alquanto indietro. La vicina Francia ci umilia avendo vinto ben undici medaglie Fields a fronte delle due italiane. Il Regno Unito ne ha vinte sei. Va anche detto che la medaglia Fields è attribuita a giovani sotto i 40 anni. Difficilmente chi rimane in Italia ha in gioventù i mezzi economici per crescere scientificamente (non a caso Figalli già diversi anni fa aveva parlato di situazione deprimente) e non è un caso che entrambe le medaglie italiane (l'altra è quella di Enrico Bombieri, medaflia Fields 1974) sono state vinte da persone che l'accademia italiana non è stata in grado di coltivare e tenere.

    Report

    Rispondi

    • Giovanni

      02 Agosto 2018 - 09:09

      Otteniamo ciò che meritiamo. La matematica a parte alcuni esempi è sempre stata materia negletta nel nostro sistema scolastico e spesso insegnata male e con scarsa volontà. Gli insegnanti non utilizzano o utilizzano poco i numerosi supporti visivi a disposizione sul web che potrebbero aiutare parecchio gli studenti e rendere più interessante la materia. Quei pochi studenti che dopo il liceo si iscrivono all'università in matematica, conseguita la laurea sono costretti ad emigrare se non vogliono finire nel sistema fossilizzante del ricercatore che non ricerca e che viene impiegato unicamente per fare gli appelli. E' chiaro che i migliori prendono quasi subito la via che li porta all'estero verso ambienti maggiormente dinamici e formativi. E' una vera perdita perchè dopo tutto abbiamo alcune ottime università e lo stato spende tanti soldi per formare ottime professionalità che poi vanno ad esclusivo vantaggio delle strutture estere (università, centri di ricerca, aziende).

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi