cerca

Il trucchetto del "diritto di inclusione" per mandare nelle classi i bambini non vaccinati

Così il ministro Grillo stravolge il significato di un diritto specifico, e gli fa dire tutta un’altra cosa

7 Luglio 2018 alle 06:17

Il trucchetto del "diritto di inclusione" per mandare nelle classi i bambini non vaccinati

Giulia Grillo (foto LaPresse)

Va bene che viviamo in tempi orwelliani e ormai vale tutto, ma i Cinque stelle hanno appena inventato un nuovo significato del “diritto di inclusione” per giustificare la cosiddetta “autocertificazione dell’obbligo vaccinale”. Come si sa, prima per mandare i bambini a scuola serviva un certificato della Asl che confermava che le vaccinazioni erano state fatte. Ora saranno i genitori a farsi la certificazione da soli. Perché come dice il ministro della Salute Giulia Grillo serve “un migliore bilanciamento tra il diritto all’inclusione, il diritto all’istruzione e il diritto alla tutela della salute individuale e collettiva”. Ma questo diritto citato come motivo, il diritto di inclusione, non vuol dire quello che intende il ministro.

  

Il diritto all’inclusione è il diritto dei bambini che per esempio hanno disabilità di frequentare le scuole ed essere facilitati nei loro spostamenti, con l’eliminazione di barriere architettoniche, con autobus speciali, con rampe per le carrozzelle. Il diritto di inclusione è il diritto che hanno i bambini in condizioni speciali di andare a scuola con i bambini normali. Non vuol dire che i figli dei genitori che sono contrari alle vaccinazioni – una delle scoperte mediche più importanti della storia dell’umanità, che ha debellato malattie come il vaiolo e la poliomielite (quanto è sconfortante dover scrivere questo inciso) – che i figli di genitori, dicevamo, che sono contrari per qualche loro superstizione suicida hanno il diritto di accedere comunque alle classi. Grillo (il ministro) stravolge la categoria del diritto di inclusione e gli fa dire tutta un’altra cosa. In pratica sostiene che questo diritto “di inclusione”, in coppia con il diritto all’istruzione, è più forte del diritto alla tutela della salute pubblica. Sei potenzialmente un pericolo mortale per i bambini immunodepressi, i tuoi genitori vogliono tenerti così per una scelta deliberata, ma non possiamo escluderti perché hai lo stesso diritto di accedere alla scuola di un bambino in sedia a rotelle. Se le cose stanno così e se questa è la logica, allora autocertifichiamoci anche le patenti di guida, perché essere costretti ad aspettare un esame certificato dalla motorizzazione va contro al diritto universale di guidare una macchina e accedere al traffico cittadino. E chissenefrega se in questo modo aumenterebbero i rischi per tutti, mica si vorrà mettere un limite alla nostra libertà personale. Domanda: e i bambini immunodepressi, che rischiano la vita se vengono a contatto con i bambini non vaccinati? Per loro secondo il ministero ci sarà la scuola a casa, cosiddetta parentale, oppure le lezioni in ospedale. Questa sì che è una violazione dei diritto di inclusione: i bambini non vaccinati vanno a scuola e i bambini immunodepressi non ci possono più andare.

 

Si dirà: ma l’autocertificazione impone comunque che i bambini siano vaccinati, non cambia rispetto a prima, ci saranno controlli a campione. In realtà che sia un regalo agli antivaccinisti è chiaro dalle parole del ministro, che dice: “L’adozione del decreto sui vaccini da parte del precedente governo non ha tenuto in debita considerazione le tante sollecitazioni provenienti dalle minoranze che avrebbero potuto rendere più pacifica e serena l’applicazione della nuova normativa”. Le tante sollecitazioni delle minoranze: che non chiedevano l’autocertificazione, chiedevano proprio di non essere costrette a vaccinare i figli. Provate di nuovo a sostituire certificazione con patente di guida e vedrete che “la voce delle minoranze” suona assurda. O credi nella patente come misura per rendere più sicure le strade o non ci credi, non affidi la sicurezza nelle strade a misteriose “autocertificazioni”. O credi nei vaccini oppure non ci credi. Ma allora dillo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • g.burlando

    09 Luglio 2018 - 08:08

    E se uno autocertifica il falso a cosa va incontro ?

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    07 Luglio 2018 - 16:04

    I 10 vaccini sono questi: 1) Antipoliomelite 2) Antidifterite 3) Antitetanica 4) Antiepatite B 5) Antipertosse 6) Antiaemophilusinfluenzae B 7) Antimorbillo 8) Antirosolia 9) Antiparotite 10) Antivaricella . Tutte infezioni abbastanza pericolose, invalidanti e purtroppo in alcuni casi letali. L'obbligatorietà nei paesi europei varia da paese a paese ma una delibera europea raccomanda i paesi membri di adottare l'obbligatorietà per almeno sette affezioni. La stranezza dell'Italia è che invece di vantarci di essere all'avanguardia nella protezione vaccinale buona parte della popolazione l'avverte come una turpe costrizione del potere. Naturalmente accade che qualche formazione politica approfitta dell'ignoranza di una parte della popolazione per avvantaggiarsene elettoralmente. Questo sì che è turpe.

    Report

    Rispondi

    • tamaramerisi@gmail.com

      tamaramerisi

      09 Luglio 2018 - 10:10

      In molti paesi Europei, dove lo Stato non è asfissiantemente "mammone" e "paterno" onnipresente e illiberale come quello Italiano, sono le scuole stesse, private e non, a dotarsi di regolamenti in base a legge, direttive e buonsenso (e mercato): calendari, programmi, testi, profilassi. In Italia è lo Stato che impone calendari programmi e testi scolastici uniformi, quindi anche le vaccinazioni. Se esistesse un vaccino contro i pidocchi i clown al Governo non avrebbero dubbi sul vaccinarci i figli.

      Report

      Rispondi

  • maropadila

    07 Luglio 2018 - 15:03

    Che cosa ci si poteva aspettare da un oscuro medico e da un altrettanto oscuro dirigente del Miur, miracolati cone Ministri della Repubblica? Passerebbero sui cadaveri di mezza Italia pur di mantenere il loro posto; quando mai avranno ancora questa opportunità?

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    07 Luglio 2018 - 13:01

    Nell'accezione del grillino il diritto di inclusione è la propria rivalsa dopo millenni di calci nel sedere in quanto scemo del villaggio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi