Foto di Sailko via Wikipedia

Preghiera

Turisti in gabbia a Otranto

Camillo Langone

Nel borgo pugliese tutto è stretto, imposto e affollato. Tanto vale restare a Jesolo 

Otranto è una gabbia per criceti, un centro di concentramento per turisti, tutto è stretto e imposto e affollato, il parcheggio innanzitutto, poi il ponte d’ingresso nella città vecchia, con i cartelli dell’obbligo di mascherina (e tutti o quasi tutti davvero col tristissimo oggetto), poi il percorso sui bastioni e nei vicoli che è a senso unico, vietate le iniziative personali, niente libertà di movimento fra i negozi di paccottiglia e le mangerie dove scorre il prosecco e allora tanto valeva stare a Jesolo, i punti panoramici dove tutti fanno le stesse foto allo stesso brutto porto, e infine il ristorante Acmet Pascià, dedicato allo stragista turco che nel 1480 in nome di Allah clemente e misericordioso fece decapitare 813 abitanti cristiani. E’ come se nel ghetto di Roma ci fosse un ristorante di cucina ebraica intitolato ad Adolf Hitler. Otranto onta.

Di più su questi argomenti:
  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).