cerca

Sia lodato Romolo Bugaro

La saggezza di un autore che descrive come nessun altro la situazione di chi è ridotto a dipendere da avvocati e magistrati

15 Maggio 2019 alle 06:00

Sia lodato Romolo Bugaro

(Foto Pixabay)

Sia lodato Romolo Bugaro perché ogni suo romanzo conferma Matteo 5,25 e Corinzi 6,1-7, la dissuasione cristiana delle cause giudiziarie. Ogni suo romanzo compreso quest’ultimo, “Non c’è stata nessuna battaglia” (Marsilio), dove abbondano al contempo sentimento e ragione: da una parte la nostalgia di una compagnia di amici che tra Padova e il mondo vivono l’intera parabola esistenziale attraversati da una “corrente di desiderio e speranza e delusione”, dall’altro la saggezza di un autore, ineguagliato osservatore di decadenze e cadute, che descrive la situazione di chi è ridotto a dipendere da avvocati e magistrati. (Chiaramente Bugaro di mestiere fa l’avvocato e la “corrente di desiderio e speranza e delusione” ha attraversato, attraversa, ognuno di noi).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi