cerca

Se non vi piacciono gli Ogm fate meno figli

“Si debbono nutrire oggi 7,6 miliardi di persone che diventeranno presto 10 miliardi. E si pensa di farlo attraverso le cosiddette coltivazioni biologiche?”

12 Ottobre 2018 alle 06:12

Se non vi piacciono gli Ogm fate meno figli

Proteste di alcuni attivisti di Greenpeace contro le coltivazioni ogm (foto Ap)

“Si debbono nutrire oggi 7,6 miliardi di persone che diventeranno presto 10 miliardi. E si pensa di farlo attraverso le cosiddette coltivazioni biologiche?”. Il mondo descritto dal gran statistico Roberto Volpi in “Mondo denso” (Lindau) è duro per tutti. Per me che non ho nessuna voglia di competere, innovare e solidarizzare (secondo Volpi le tre cose da fare per sopravvivere a questa spaventosa marea umana), e per i No Ogm: “Senza le coltivazioni e i prodotti Ogm non si riuscirà a saltar fuori dal problema dei problemi: dare di che sfamarsi a tanti individui”. Io per essere coerente con la mia misantropia dovrei ritirarmi sugli Appennini, siccome il mondo si sta sovrappopolando ovunque tranne che nelle aree montuose, mentre i No Ogm, per essere coerenti con la loro, dovrebbero finalmente dichiararla e dire che degli africani sottoalimentati non gliene può fregare di meno, imparassero a fare meno figli. Mondo denso, che senso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Beresina

    Beresina

    13 Ottobre 2018 - 12:12

    La realtà è ce admancano gli sbocchi esempio in Africa, che è tra l'altro proprio il continente al centro dell'attenzione per la crescita demografica, ci sono ancora enormi spazi anche per la coltivazione e la produzione agricola. Ma questa non si sviluppa perché mancano gli sbocchi remunerativi sul piano internazionale a causa dell'agricoltura intensiva praticata ad esempio in europa (che tra l'altro danneggia l'ambiente. in passato sono stato in Africa e il presidente dello Zambia diceva che sarebbe meglio che l'Europa annullasse tutti gli aiuti ma lasciasse entrare le produzioni agricole zambiane liberamente... smettiamola quindi con i predicozzi neo-maltusiani, questi sì razzisti, a differenza della volontà legittima di controllare l'immigrazione.

    Report

    Rispondi

  • GianniM

    GianniM

    12 Ottobre 2018 - 18:06

    Caro Langone, non mi cada anche lei nella trappola dei catastrofisti antiumanisti, quelli che da cinquant'anni blaterano di "bomba demografica" ( e che su questo spauracchio hanno costruito le politiche abortiste e antifamiliari). L'umanità ha semplicemente attraversato, come in altri momenti della sua storia, una fase - detta in termini tecnici - di "transizione demografica": la popolazione è cresciuta per i progressi della medicina, che ha fortemente ridotto la mortalità neonatale e infantile; e sono stati necessari alcuni decenni per adeguare le abitudini procreative (non serve più fare molti figli come quanfo ne morivano molti). Il tasso di incremento demografico, negli ultimi decenni, si è ridotto drasticamente, con l'eccezione dell'India e di pochi Paesi africani. Il problema, oggi, è esattamente l'OPPOSTO: il collasso demografico, l'invecchiamento generalizzato e repentino (che è alla base anche delle crisi finanziarie ed economiche).

    Report

    Rispondi

    • carloalberto

      15 Ottobre 2018 - 13:01

      Dubito che i figli si facciano perché "servono".

      Report

      Rispondi

  • vittoriocolellaalbino

    12 Ottobre 2018 - 11:11

    Caro Bacos50, capisco che sia uno sport diffuso, ma sparare sulla Chiesa Cattolica parlando di "insensata ideologia" è segno di pregiudizio e di mancata conoscenza dei fatti. Purtroppo in Africa i cattolici sono una esigua minoranza, la Chiesa ed i missionari, ancora purtroppo, non se li fila nessuno, mentre le "benemerite" agenzie pseudo-umanitarie, tipo ONU ed Unicef, diffondono preservativi e mentalità anti-nataliste da decenni e con grande spiegamento di mezzi. Questi catastrofismi fanno sorridere: sono 40 anni che sentiamo dire che "quando saremo 4 miliardi"..."quando saremo 5 miliardi"...."quando saremo 6 miliardi" etc. etc... L'Umanità è migliore di chi vuole farsene portavoce; l'uomo è migliore delle agenzie umanitarie. Cordialità

    Report

    Rispondi

  • Bacos50

    12 Ottobre 2018 - 10:10

    Non è necessario essere No Ogm per dire e far comprendere agli africani che non ha alcun senso mettere al mondo un numero elevato di figli, sapendo di non poterli nutrire, curare e garantire loro una parvenza di futuro. L’Unicef, nel consueto rapporto annuale, fotografa una situazione drammatica: ogni anno, nel mondo, un milione di neonati muore lo stesso giorno in cui nasce e 2,6 milioni non sopravvivono al primo mese di vita. Il tasso di mortalità neonatale a livello globale rimane allarmante, in particolare nei paesi più poveri del mondo. Il rapporto sottolinea che gli otto dei dieci luoghi più pericolosi per nascere si trovano nell’Africa subsahariana. Questa drammatica situazione è anche il frutto dell'insensata ideologia cattolica, diffusa dai missionari e sacerdoti cattolici lì presenti, da sempre contraria ai contraccettivi.

    Report

    Rispondi

    • GianniM

      GianniM

      12 Ottobre 2018 - 18:06

      Non è assolutamente vero. Innanzitutto, i tassi di mortalità evidenziati dipendono da complicanze legate al parto o da malattie neonatali, non da carenze nutrizionali. In secondo luogo, non esiste nessuna correlazione tra tasso di natalità e religione prevalente. La natalità è correlata semplicemente al benessere: è più alta laddove il benessere è scarso, perché i figli sono una risorsa necessaria (per lavorare e per assistere i genitori "anziani"). Insomma: non è l'alta natalità che produce povertà, ma l'esatto contrario.

      Report

      Rispondi

    • Carletto48

      12 Ottobre 2018 - 11:11

      Mi sembra che nei paesi maomettani le nascite siano anche superiori dei paesi che hanno risentito dell'opera dei missioari.

      Report

      Rispondi

      • odradek

        odradek

        12 Ottobre 2018 - 14:02

        Il tasso di mortalità neonatale le sembra anche il medesimo? Non si tratta di riproporre l'ennesima diatriba anti mussulmana, che può essere alimentata in molti e sostenibili modi in altri ambiti. Si tratta di analizzare dati certi e incontrovertibili.

        Report

        Rispondi

      • Chichibio

        12 Ottobre 2018 - 11:11

        E, aggiungerei, sia in Africa subsahariana che nel vicino Oriente, nonostante siano paesi a povertà conclamata, si fanno figli. Al contrario di qui, dove ci ripetono che la natalità è scarsa perché c'è basso reddito e scarsa sicurezza del futuro.

        Report

        Rispondi

Servizi