cerca

Le radici dell'amore del M5s per l'Anas

Il disastro del ponte sul Magra deve risvegliare le coscienze di quella parte del governo che ritiene le infrastrutture sacrificabili e il settore pubblico più efficiente del privato

8 Aprile 2020 alle 16:21

Il terribile amore dei 5 stelle per l'Anas

Il ponte sul Magra (foto LaPresse)

L’immagine del ponte sul Magra accartocciato, insieme a quelle del Morandi di Genova e della scavatrice inabissatasi negli eterni scavi della metropolitana romana, ritraggono lo stato del sistema infrastrutturale del nostro paese. In quest’ultimo disastro non si possono trovare ragioni diverse da quella del degrado: nessun evento meteorologico rilevante, nessun sovraccarico del traffico, bloccato dalle restrizioni per la pandemia.   

Crolla un viadotto in Toscana. La lettera di Anas al comune: “Non ci sono criticità”

Qualche mese fa, rispondendo alle segnalazioni del sindaco di Aulla e della provincia di Massa Carrara, la società garantiva: “Non sono giustificati provvedimenti emergenziali”

   Anche in questo caso erano state notate e denunciate crepe, ma gli “esperti” dell’Anas avevano assicurato...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giuseppek

    09 Aprile 2020 - 08:55

    Conclusione perfetta e auspicabile al più presto. Ma bisogna depurarla da quel "se"

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    08 Aprile 2020 - 20:20

    È sconcentante quello che sta succedendo alla nostra rete infrastrutturale . Non credo che sia una questione di gestione pubblica o privata. Qui si tratta in primo luogo di ignoranza tecnica e tecnologica , e assenza di responsabilità da parte di chi è preposto ai controlli. In secondo luogo è l'insipienza del nostro sistema politico che non è in grado di capire di cosa ha bisogno la nostra consunta e pericolosa rete . Qui si tratta di un qualcosa assimilabile all'attuale virus rispetto ai quale anche i virologi si sono trovati impreparati. Che non sia così anche per gli attuali ingegneri?

    Report

    Rispondi

  • Chichibio

    08 Aprile 2020 - 17:48

    Mi chiedo in quale stato erano davvero le giunzioni del ponte. Dalle foto si notano infatti i singoli segmenti che componevano le campate e che sembrano essere rimasti pressoché interi ma scollegati tra loro.

    Report

    Rispondi

  • oliolà

    08 Aprile 2020 - 17:16

    Non doveva neanche nascere, ma che dovesse passare la mano al primo accenno di coronavirus sarebbe stato salvaguardare il principio di precauzione. Con la salute non si scherza. Ora, dico, un' operazione di pompaggio (viva i Pompieri di Viggiù, nessuno li ha ricordati) di Conte, nonostante il ponte, da parte di quelli che contano, non si era mai vista ma si spiega. Quando tutto è meglio di Salvini, una mosca cocchiera può sedere a Palazzo Ghigi e i 5Stelle stare al governo.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      08 Aprile 2020 - 18:21

      Nonchè dimenticare che il piano di Renzi prevedeva fusione FS-ANAS, quotazione in Borsa e imposizione di pedaggi sulle strade e sui ponti.

      Report

      Rispondi

Servizi