cerca

“Meglio le sardine del partito di mia figlia”. Parla papà Borgonzoni

Giambattista Borgonzoni ci dice perché in Emilia-Romagna bisogna votare contro la Lega

Marianna Rizzini

Email:

rizzini@ilfoglio.it

18 Gennaio 2020 alle 06:10

“Meglio le sardine del partito di mia figlia”. Parla papà Borgonzoni

Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni (foto LaPresse)

Roma. La storia delle elezioni regionali-ordalia (Emilia-Romagna, 26 gennaio, con giudizio non divino ma dell’urna sul salvinismo arrembante) e la storia nella storia – storia collaterale di padri e figli. Trattasi infatti di capire come Giambattista Borgonzoni, architetto con esperienza nel restauro di castelli e nelle ristrutturazioni di edifici industriali e commerciali, figlio del noto pittore realista-espressionista Aldo e padre di Lucia, candidata leghista alla guida della regione contro il governatore pd uscente e ricandidato Stefano Bonaccini, sia diventato, pur...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Marianna Rizzini

Marianna Rizzini

Marianna Rizzini è nata e cresciuta a Roma, tra il liceo Visconti e l'Università La Sapienza, assorbendo forse i tic di entrambi gli ambienti, ma più del Visconti che della Sapienza. Per fortuna l'hanno spedita per tempo a Milano, anche se poi è tornata indietro. Lavora al Foglio dai primi anni del Millennio e scrive per lo più ritratti di personaggi politici o articoli su sinistre sinistrate, Cinque Stelle e populisti del web, ma può capitare la paginata che non ti aspetti (strani individui, perfetti sconosciuti, storie improbabili, robot, film, cartoni animati). E' nata in una famiglia pazza, ma con il senno di poi neanche tanto. Vive a Trastevere, è mamma di Tea, esce volentieri, non è un asso dei fornelli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabrizio.galluzzi@fastwebnet.it

    fabrizio.galluzzi

    20 Gennaio 2020 - 10:01

    Complimenti alla strategia di marketing di Giambattista Borgonzoni: ha ritrovato la figlia per ottenere la visibilità che mai avrebbe avuto altrimenti. E il suo libro venderà alla grande

    Report

    Rispondi

  • dongivu

    18 Gennaio 2020 - 15:07

    In politica ognuno difende i propri interessi scendendo a compromesso con quelli degli altri. La sinistra di matrice marxista ha sempre perseguito una visione ideologica finché i fatti han dimostrato che questa ideologia demolisce non solo gli interessi dei ricchi, ma soprattutto quelli della classe operaia. Nonostante questo c'è ancora chi ha paura di chi difende i propri interessi, ha paura della realtà.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    18 Gennaio 2020 - 11:35

    Pare che si sia ricompattato il famoso arco costituzionale,quello che estromise dal patto democratico l'MSI ,contro Salvini e lega annessa. In Italia la strada verso una democrazia compiuta è ancora lontanissima ,la politica ancora si intende come passione da curva degli stadi .. Da sempre ho scritto che il liberalismo in Italia non si è mai radicato tanto che il partito liberale ha cuccato al massimo il 3/4% ( elezioni politiche del 1948).Anzi credo che non avrei torto ad affermare che in Italia la dottrina politica liberale ( più o meno quella predicata dagli Illuministi ) ha avuto casa solo i pochi anni di Cavour primo ministro.Poi vennero la Dc e il Pci e il liberalismo fuggì terrorizzato.

    Report

    Rispondi

Servizi