cerca

L’aggressione alla credibilità democratica

Craxi, Berlusconi, Renzi. E la libido delendi, il desiderio di trovare un modo per eliminare una stagione dall’opinione pubblica. Controindagine sul modo in cui viene aggredita la libertà della politica in una repubblica democratica e liberale

27 Novembre 2019 alle 20:20

L’aggressione alla credibilità democratica

Matteo Renzi e Silvio Berlusconi (foto LaPresse)

E’ vero che esordì con la rottamazione, ma oltre che un’espressione brutale quella era una scelta e forse anche una necessità politica nel conflitto per il rinnovamento di una sinistra esausta dopo il tradimento della repubblica dei partiti a favore del giustizialismo, dopo la fregatura del ciclo berlusconismo-antiberlusconismo, dopo la battaglia d’arresto veterolaburista sull’articolo 18, dopo le fanfaluche bertinottiane dell’arcobaleno, era un modo aggressivo e volgare ma chiaro per dire: voltiamo pagina. Nanni Moretti è più stylish, “con questi qui...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    28 Novembre 2019 - 18:54

    Caro Ferrara - "Controindagine sul modo in cui viene aggredita la libertà della politica in una repubblica democratica e liberale" Avrebbe un senso se applicata a qualcosa che esiste nella cultura e nei costumi. Riferita ad un "inesistente", come ben chiarisce il seguito, flatus vocis est.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    28 Novembre 2019 - 17:32

    Caro Ferrara - "Controindagine sul modo in cui viene aggredita la libertà della politica in una repubblica democratica e liberale" Avrebbe un senso se applicata a qualcosa che esiste nella cultura e nei costumi. Riferita ad un "inesistente", come ben chiarisce il seguito, flatus vocis est.

    Report

    Rispondi

  • kriszt49

    28 Novembre 2019 - 17:04

    Mi dispiace di dovere fare dei cattivi pensieri ma secondo me questo è il prezzo da pagare per avere fatto la scissione. Senza un processo, senza condanna definitiva, buttare del fango addosso a una persona significa una sola cosa: volerlo distruggere.E' il circo mediatico. Matteo Renzi deve combatterlo con tutte le sue forze. kriszt49

    Report

    Rispondi

  • gheron

    28 Novembre 2019 - 12:24

    Il peggio delle religioni (anche quelle sante istituzioni, tutte, hanno poche o molte porzioni peggiori) sempre nei secoli ha soffocato le civiltà laiche. Roma, una per tutte. Il peggio del cristianesimo in questi ultimi due secoli si è dato nome socialismo e nella mascheratura fascista e nazista prima, comunista ieri e ancora oggi, non solo ha seminato lutto e miseria in gran parte del mondo ma anche ha disastrato il significato letterale della parola democrazia e le sue fondamentali istituzioni. Libertà, Giustizia, Democrazia sono concetti estranei a quelle pessime pseudo teocrazie, oggi ancora in sella in Italia e in buona porzione del pianeta. Pertanto, i paladini delle libertà democratiche e i loro paludati avversari sono solo tristi e deplorevoli maschere in una rappresentazione da carrettino siciliano. Con molte scuse per quei bravi artisti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi