cerca

Ragioni per temere il caso Sea Watch

La crudeltà di Salvini e quella pericolosa novità nel Mediterraneo rimasto senza regia

26 Giugno 2019 alle 06:14

Ragioni per temere il caso Sea Watch

foto LaPresse

La storia dei quarantadue migranti intrappolati per volontà del governo italiano da due settimane a bordo della nave Sea Watch 3, al limite delle acque territoriali italiane, è una storia che merita di essere raccontata utilizzando quattro lenti di ingrandimento. La prima riguarda il diritto del mare, la seconda la propaganda, la terza una novità importante relativa agli sbarchi registrati negli ultimi giorni in Italia, la quarta l’Europa.

 

La prima lente ci permette di capire la ragione per cui Matteo Salvini bluffa quando dice che ieri la Corte dei diritti dell’uomo di Strasburgo ha riconosciuto la bontà della politica dei porti chiusi del governo. La storia è nota: nei giorni scorsi alcuni richiedenti asilo avevano fatto ricorso alla Corte dei diritti dell’uomo per chiedere all’Italia di farli sbarcare. Ieri la Corte ha detto di non aver ravvisato l’esistenza di un rischio estremo e irreparabile, presupposto per accogliere richieste di provvedimenti urgenti, ma ha affermato che il governo deve fornire “tutta l’assistenza necessaria” alle persone a bordo in condizioni di difficoltà, ricordando che il diritto marittimo obbliga le imbarcazioni a fare quello che il ministro dell’Interno non sta permettendo di fare da dodici giorni: far raggiungere il porto sicuro più vicino a chi soccorre persone in mare.

 

Sull’immigrazione, lo sappiamo, la propaganda di Salvini è funzionale a dimostrare che il modo più corretto per gestire l’immigrazione è disincentivarla, non governarla, ma in questo caso la propaganda, oltre che essere controproducente per le ragioni che vedremo tra poche righe, dimostra di essere crudele – negli ultimi giorni diversi sindaci tedeschi hanno mostrato la propria disponibilità ad accogliere i richiedenti asilo rimasti a bordo della nave e l’Italia in questo caso non dovrebbe fare altro che far avvicinare la Sea Watch al porto sicuro più vicino e inviare i quarantadue, dicasi quarantadue, migranti nelle città disposte ad accoglierli. Le elezioni sono però vicine e tenere in ostaggio quarantadue – dicasi quarantadue – migranti in mare, per Salvini, ha lo stesso valore di un comizio: serve a conquistare voti.

 

La terza lente ci consente di mettere a fuoco un problema che non riguarda il caso Sea Watch 3 ma che riguarda il caso di alcuni sbarchi importanti che hanno fatto meno rumore del caso dellaong. Pochi giorni fa un video girato da un velivolo di Frontex ha mostrato il trasbordo di 81 migranti da una nave madre, un peschereccio, a un’imbarcazione più piccola, arrivata poi a Lampedusa. La presenza di una nave madre a poche miglia dalle coste italiane è una novità significativa che indica un fenomeno rilevante. Fino a qualche mese fa, le navi degli scafisti intercettate in mare erano perlopiù navi molto piccole. Da quando il governo italiano ha accettato di smantellare il sistema di ricerca e salvataggio che ha permesso negli ultimi anni all’Italia di governare i flussi senza chiudere i porti, gli scafisti sono tornati a usare imbarcazioni più pesanti (la Guardia costiera italiana di fatto non opera più nel Mediterraneo centrale, la missione Themis gestita da Frontex è stata smantellata, la missione Sophia, coordinata dall’Unione europea, esiste ancora ma è l’unico caso di missione navale che decide di presidiare il mare senza avere più navi in mare, le ong piuttosto che essere alleate dei governi sono diventate dei nemici e gli unici che operano nel Mediterraneo sono gli agenti della Guardia costiera libica, che oltre a dover far fronte a carenze di esperienza e di risorse devono far fronte a una Libia destabilizzata e sull’orlo costante di una guerra civile). E nel corso dell’estate non sarà difficile correre il rischio di rivedere scene come quelle che nel 2014 portarono l’Italia a varare “Mare Nostrum”: pescherecci con centinaia di migranti che mettendo a rischio la vita di centinaia di persone decidono di affrontare lunghi e pericolosissimi viaggi per arrivare in Italia.

 

La quarta lente di ingrandimento riguarda infine l’Europa di Emmanuel Macron e Angela Merkel che non ha colpe sul caso della Sea Watch 3 ma che avrebbe un modo semplice per dimostrare di non essere ipnotizzata dai nazionalpopulisti: portare al prossimo Consiglio europeo la modifica del trattato di Dublino e dimostrare che chi non vuole risolvere i problemi dell’immigrazione non è il fronte europeista ma un altro: quello di chi ha trasformato l’Europa in un alibi per nascondere nel migliore dei casi la propria incapacità e nel peggiore dei casi la propria crudeltà.

Claudio Cerasa

Claudio Cerasa

Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Jerry

    27 Giugno 2019 - 15:03

    La crudeltà è di chi vuole per forza far sbarcare sulle coste italiane questi migranti, e li tiene a soffrire in mare, invece di riportarli nella loro terra natia, a poche miglia da Lampedusa, dove hanno diritto e dovere di restare. Non sono profughi né alcuno degli stati europei ha dichiarato di averli invitati né di volerli accogliere. Se poi qualche lettore vuole accoglierli vada prima a svuotare e portarsi a casa sua quelli davanti ai supermercati, e non solo, e quelli che bighellonano non sempre lecitamente in giro.

    Report

    Rispondi

  • Medicaid

    26 Giugno 2019 - 21:09

    Leggo molti commenti critici all'articolo. Vorrei vigorosamente (e non sommessamente come usa dire) ricordare che se si vogliono cambiare le regole, leggi trattato di Dublino, bisogna partecipare alle discussioni. Si preferisce non per crudeltà, troppo nobile sentimento DIRETTORE!, ma per orrendo cinismo da baciacrocifissi di ritorno non partecipare . In questo modo sicuramente non si fa nulla per cambiare lo stato di cose esistente e, altrettanto sicuramente, sfruttare quello che accade per conquistare un potere da utilizzare non per governare ma per utilizzare a proprio vantaggio i mille rivoli e le mille possibilità offerte dalla spesa pubblica. Saluti

    Report

    Rispondi

  • micpiacentini

    26 Giugno 2019 - 16:04

    Soccorrere persone in mare ha perso ogni significato da quando volutamente frotte di migranti si imbarcano per usare queste norme ormai datate ed assurde nel mondo contemporaneo. Ovvio che i naufraghi vadano soccorsi ma nessuno può pensare di prendere in giro il resto del mondo. Il problema delle migrazioni si può solo aggravare se non si trova una politica comune che non può essere quella di accogliere chiunque salga su un gommone.

    Report

    Rispondi

  • Chichibio

    26 Giugno 2019 - 14:02

    Manca una lente, la quinta: questa nave con bandiera olandese (e quindi, a norma di Dublino, territorio olandese) e di proprietà tedesca con tutta evidenza si esibisce in un'intenzionale provocazione verso il governo italiano contando sul supporto mediatico, italiano e non. Giocando per di più sul significato delle parole: naufrago significa naufrago. Non navigante programmato e su picciol legno. Ci fu chi disse che quando le parole perdono il loro significato poi si perde anche la libertà. Libertà di controllare e regolare gli ingressi da noi. Quanto alle città tedesche disposte ad accogliere i nuovi arrivati occorre che prima il ministro Seehofer si dichiari d'accordo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi