cerca

passeggiate romane

La lezione abruzzese, poi Sardegna e Basilicata. Il Pd è pronto al voto anticipato?

Nel Partito c'è chi non è così ottimista per le prossime elezioni regionali. E in molti cominciano a tirare per la giacca Zingaretti per avere un posto in lista alle europee

11 Febbraio 2019 alle 21:00

La lezione abruzzese, poi Sardegna e Basilicata. Il Pd è pronto al voto anticipato?

Nicola Zingaretti (foto LaPresse)

I più ottimisti nel Partito democratico vedono nel voto in Abruzzo, dove pure il candidato del Pd ha perso, un segnale di inversione di tendenza. E ora guardano con speranza alle elezioni in Sardegna e alle Europee, dove sono certi di prendere una percentuale più alta di quella che decretò la loro sonora sconfitta nel marzo del 2017. Ma non tutti la pensano in questo modo. Una parte dei renziani, infatti teme, che le tensioni tra Lega e M5s possano far precipitare la situazione, portando il paese a elezioni anticipate. Un’eventualità, questa, che coglierebbe il Pd totalmente impreparato e che, secondo il Nazareno, aprirebbe le porte a un trionfale ingresso di Matteo Salvini a Palazzo Chigi. E nelle conversazioni private, alla Camera come al Senato, sono gli stessi ministri della Lega, sempre più stufi degli alleati, a non escludere questa possibilità. Ma l’altro giorno, a chi gli chiedeva lumi in proposito, Salvini ha opposto questo ragionamento: in genere per chi provoca le elezioni non si spalancano le porte di un successo, anzi. E questo spiega la grande prudenza con cui il ministro dell’Interno continua a muoversi nei rapporti con i 5 stelle. Ogni tanto fa la voce grossa, ma poi, nei fatti, strategicamente cede spesso e volentieri.

 

Mentre il Pd si interroga sull’eventualità o meno che si arrivi a un voto anticipato, la campagna per le primarie sta per mietere la prima vittima. Nicola Zingaretti infatti si è stufato della frequenza con cui parla Massimiliano Smeriglio, che viene considerato il suo vice, e che lui in realtà non ritiene tale. Un giorno Smeriglio lascia intendere che il presidente della Regione Lazio è pronto ad accordarsi con i grillini appena verrà eletto segretario, un altro lo fa litigare con Calenda… Perciò ieri Zingaretti ha tenuto a precisare che Smeriglio parla a titolo personale. Ciò che soprattutto lo ha fatto infuriare è il fatto che il suo “vice” non solo non concorda con lui le dichiarazioni che fa, ma non lo avverte nemmeno almeno un po’ di tempo prima. Per questa ragione dopo le primarie il sodalizio tra i due si romperà e il governatore del Lazio archivierà il capitolo Smeriglio.

 

E a proposito di Nicola Zingaretti. Siccome nessuno ha ormai più dubbi sul fatto che sarà lui il nuovo segretario del Partito democratico, sono già in molti, tra i cosiddetti padri nobili del centrosinistra, a chiedergli un posto in lista alle elezioni europee per qualcuno dei loro. Ma le richieste sono tante e difficilmente Zingaretti potrà esaudirle tutte.

 

Sempre sul Pd: la Basilicata era rimasta una delle poche regioni rosse e nessuno al Nazareno ne temeva la caduta. Ma adesso che le elezioni per quella regione sono alle porte al Pd c’è una certa preoccupazione. Il centrosinistra infatti si è diviso sull’opportunità o meno di ricandidare Pittella e rischia di presentarsi alle consultazioni con almeno tre liste. Il che potrebbe consentire al Movimento 5 stelle di ottenere per la prima volta la presidenza di una regione.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    12 Febbraio 2019 - 09:09

    Caro Cerasa, apprezzo che Il Foglio dedichi giusta attenzione alle vicende precongressuali del Pd, e sarei ancora più contento se mi aiutasse a capire il significato e le conseguenze politiche della mancata partecipazione di Matteo Renzi alle medesime. Capirà di certo che l’assenza del segretario uscente al dibattito congressuale del suo partito non e’ questione politicamente irrilevante. Un tempo si sarebbe detto che un alto dirigente che sceglie l’Aventino prima del congresso del suo partito si presta a due sole considerazioni: o e’ perche’ si appresta ad uscirne o perché ha il sospetto che lo vogliano cacciare. Sbaglio?

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    12 Febbraio 2019 - 09:09

    Renzi farebbe bene a riflettere che futuro lo attende dentro ad un Pd che si appresta a celebrare un congresso e insediare un segretario contro di lui e la sua politica. Il fatto che a questo congresso lui non partecipi e pure si vanti del sua aseenza e’ politicamente quanto di più singolare e stravagante sia dato di vedere da quando esistono i partiti politici, la partecipazione ai congressi dei quali per iscritti e militanti era considerata dovere, e, aumento per i dirigenti,un obbligo.

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    12 Febbraio 2019 - 07:07

    A molti dirigenti del PD , suggerisco di fare come ha fatto l'on. Alfano . Non credano che la caduta del PD sia responsabilità solamente di Renzi , a cui personalmente va tutto il mio apprezzamento per il tentativo che ha fatto per arginare gli attuali populismii. Quindi non si preoccupino troppo per il loro stipendio da onorevoli e cominciano a pensare che in fin dei conti c'è sempre il reddito di cittadinanza.

    Report

    Rispondi

Servizi