cerca

La logica tremenda ed efficace del piano immigrazione zero

Prova di forza: respingerli. Salvini può prendersi la delega della svolta giocando con un’opinione fanatizzata dalla paura

7 Giugno 2018 alle 06:17

La logica tremenda ed efficace del piano immigrazione zero

Alzi la mano chi, anche tra le persone assennate e umanamente non primitive, non ha mai pensato che i respingimenti in mare dei barconi di immigrati sono, per quanto ingiusti, spietati, contrari all’etica sacra della navigazione, negazione del presupposto omerico e cristiano dell’accoglienza, possibili ed efficaci? Per un paese che con il suo primo governo populista in Europa stabilisce un ponte con Orban e con Putin, per non parlare del trumpismo murario sottopelle, la questione della difesa serrata delle frontiere, che sono marittime, rischia di essere messa all’ordine del giorno secondo il criterio tolleranza zero, immigrazione irregolare zero. La logica nella sua brutalità è ovvia: si pagheranno inizialmente dei costi anche alti, ma se non possono arrivare, approdare, varcare le acque territoriali, gli immigrati portati dagli scafisti non partono più, semplice semplice, e d’altra parte costi mostruosi sono già stati pagati con un’ecatombe per acqua negli anni delle frontiere sostanzialmente aperte e del soccorso (e misurando costo con costo, se non partono non annegano). Certo, in mare non si elevano steccati, muri, fili spinati come alla frontiera ungherese, la dissuasione non è affare per doganieri, occorre una forza militare navale, un controllo a rete arduo e pericoloso per l’incolumità dei profughi o immigrati, in mare non si distingue, non ci sono timbri, hotspot, centri di detenzione, identificazione ed espulsione che galleggiano. In mare è più complicato. E’ vero che il governo socialista di Zapatero sparava e uccideva quando era in causa la sorte delle enclave di Ceuta e Melilla in territorio marocchino, ma salvo episodi e casi estremi non è detto che solo una meccanica nuda e cruda di stragi e affondamenti possa salvaguardare le frontiere marittime dell’Italia. La prova di forza, illegale secondo le convenzioni internazionali, comporta rischi etici tragici, ai limiti della criminalità penale internazionale, ma può essere dispiegata con notevole impatto simbolico e politico in un’opinione fanatizzata dalla paura, da un governo che sembra nato apposta per accantonare scrupoli umanitari, e far finire la “pacchia”. Gli americani, paese e popolo di immigrati, hanno eletto alla Casa Bianca un candidato che definiva senza tentennamenti “stupratori” i clandestini venuti dal Messico, e tra gli applausi della sua base che continuano ora che accusa il santuario californiano di essere un ricettacolo liberal per “bestie”, per “animali” venuti da terre shithole, paesi di merda. Qui si oscilla, un giorno la pacchia è finita, anzi strafinita, e si sente l’urgenza tutta trumpesca di fornire la merce al popolo, il giorno dopo fioccano blandizie verso la chiesa cattolica e riconoscimenti alle politiche sagge del ministro Minniti. Eppure il vero linguaggio delle nuove autorità elette a furor di popolo si esprime nel prolungato silenzio sulla fucilazione di Soumayla Sacko a San Calogero, e poi nel commosso pensiero del Senato, farsesca copertura di un indifferente imbarazzo. Qui si oscilla, ma se riprendessero gli sbarchi, se la rete di Minniti si sfrangiasse, se il contrasto ai flussi nel Mediterraneo si rivelasse oneroso, lungo, inefficace, che accadrebbe?

 

Ieri Matteo Marchesini ricordava, recensendone la biografia qui, che negli anni Trenta del Novecento Nicola Chiaromonte, intellettuale di magnifica stoffa, come Simone Weil “ragionò sull’incapacità moderna di sottoporre a un ‘limite’ i comportamenti e di esaminare eticamente la ‘forza’, ma questo richiamo antitotalitario d’antan non è il solo fomite di allarme. Michael Ignatieff è allievo e biografo di Isaiah Berlin, il grande liberale canonico del secolo scorso, e questo rampollo di Cambridge, Oxford, London School e Harvard in un’intervista stranamente passata sotto silenzio ad Antonello Guerrera disse alcuni mesi fa che non c’è contrasto possibile al populismo in Europa, salvo uno: “Chiudere le frontiere”. Su questa base ci siamo giocati la Brexit, Trump presidente, la Merkel indebolita dalle frontiere aperte del 2015 che aspetta le elezioni difficili in Baviera in compagnia di cento parlamentari della AfD, e l’Europa dell’est sta nello stato che sappiamo, ultima la Slovenia, e perfino Macron, che ha un potere gaulliano nelle mani e sembra l’ultima trincea della società aperta, prima delle politiche di integrazione ha varato la sua linea legislativa di chiusura agli ingressi irregolari e non programmati, se ne sa qualcosa alla frontiera italo-francese tra la Costa Azzurra e le Alpi. Non c’è più una politica dell’immigrazione comune in Europa, e in verità non c’è mai stata davvero, ma anche simbolicamente ecco che la revisione del trattato di Dublino, che vieta gli espatri redistributivi dal paese di arrivo delle ondate migratorie, pena la fine di Schengen ovvero della libera circolazione, fallisce, ecco che l’Austria si chiude in guanti bianchi, perché può farlo, ecco che in Belgio un segretario di stato estremista addetto all’immigrazione suggerisce, qui e ora, subito, di superare le convenzioni europee e di autorizzare i respingimenti in mare, mentre tutti ormai dicono che l’Italia è stata lasciata sola colpevolmente, ma nulla si fa per correggere lo stato delle cose. Affiora anche un sospetto: il governo populista sarà una minaccia per euro e mercati finanziari, ma con l’aria che tira il fatto che si prenda la delega della svolta, creando una forza di dissuasione navale capace di invertire la rotta degli scafisti con la forza potrebbe essere visto con ambigua indifferenza, e con molte approvazioni, nel panorama politico europeo. Ci penseranno le ong a salvare la faccia in qualche modo.

 

C’è chi dice che in caso di emergenza estiva il ministro dell’Interno del governo gialloverde proseguirà sulla linea di Minniti, una politica di riduzione e rimpatrio misurata, contrattata con i paesi d’origine, che una sua efficacia relativa l’ha avuta, ma non certo un trionfo simbolico visto che Minniti è arrivato terzo nel collegio di Pesaro contro un grillino che ha vinto pur non facendo campagna elettorale perché variamente sputtanato perfino in casa sua. C’è chi dice che quello stesso ministro dell’Interno, che parla una lingua di cancelleria e una lingua da comizio molto esplicita, contemporaneamente essendo capopopolo in ascesa e titolare della sicurezza nazionale, alla tentazione, sempre in caso di emergenza, di provocare una clamorosa rottura dello status quo con una strategia di respingimenti in mare non resisterebbe. Io sono tra questi, e spero di sbagliarmi, anche se dire che so cosa sperare ormai è una vanteria futile e velleitaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • 75mxa

    07 Giugno 2018 - 23:11

    “Un’opinione fanatizzata dalla paura”. Nel 2050 ci saranno 2miliardi di africani. Come ricordava Die Welt un paio di giorni fa circa 500 milioni - particolarmente nel sub-Sahara - saranno giovanissimi senza lavoro. Escluso che nuotino in sud-America o si riversino in Arabia, Qatar, Israele, Afganistan, etc ... dove pensate che vadano? Lo stesso articolo faceva notare che giá oggi il 50% si trasferisce in paesi limitrofi. Quindi siamo ottimisti e pensiamo a “solo” 250 milioni potenzialmente in movimento verso l’Europa nei prossimi 30 anni, se non si fa nulla. “Un’opinione fanatizzata dalla paura” mi sembra il minimo.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    07 Giugno 2018 - 14:02

    Si accentua, dialetticamente, propaganda mera, il ruolo del popolo. Il PCI si definiva “un paese nel paese”, il massimo del popolo protagonista. Patetici, devianti, i sofismi che discettano se esistano ancora la destra e la sinistra, nelle loro originarie accezioni culturali e ideologiche. Sono due distinte, conflittuali, perenni, mobili, categorie antropologiche native che tali rimarranno, comunque le si etichetti le si perimetri: in quanto necessariamente complementari. Come il collettivismo e il liberismo. In sostanza la lotta per il potere è una questione di percentuali.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      07 Giugno 2018 - 18:06

      E' la democrazia, no? La democrazia è ritualizzazione della guerra civile con asce e lance. Chi ha un voto di più, vince. Poi ci sono le procedure, ossia le leggi elettorali, per tradurre la conta dei vosti in "seggi". La democrazia è procedura.

      Report

      Rispondi

  • zucconir

    07 Giugno 2018 - 12:12

    Ignatieff ha ragione. L'Europa, e non solo, sta crollando sotto l'inarrestabile marea africana. Qualcosa va fatto e subito. Ci siamo dilaniato in guerre per secoli, orribili, ma abbiamo dato all'umanità più di chiunque altro. Non possiamo suicidarsi perché l'africa sta scoppiando. Gli ultimi libri di Ida Mali, la più grande antropologia italiana, erano un grido contro questa sostituzione dei popoli europei. È vero siamo un popolo di migranti, ma il 95% di chi emigra a nelle Americhe aveva regolare permesso. Da quando tutti questi scrupoli Ferrara? Non mi sembrava facessero parte del suo DNA. La politica impone scelte anche crudeli, ma sempre meglio del caos. Riccardo Zucconi

    Report

    Rispondi

  • cmedeo

    07 Giugno 2018 - 11:11

    Caro Ferrara se tu fossi il MInistro degli Interni italiano che cosa faresti ?

    Report

    Rispondi

    • guido.valota

      07 Giugno 2018 - 14:02

      Ma Ferrara è sulla sponda opposta rispetto al Ministro degli Interni, e ha fatto il suo mestiere con una mossa che questa opposizione non può permettersi per ragioni ideologiche ancora prima che legali e umanitarie. Nell'attimo stesso in cui si inizia a parlare seriamente di respingimenti in mare, Salvini si trova chiuso nell'angolo. Se la sola ipotesi prendesse un minimo di campo, sarebbe costretto a prendersi ogni responsabilità di quello che farà e che non farà, altro che fischiettare e continuare come se nulla fosse con la politica pensata e creata al 100% da Minniti che è persona seria, capace, efficace.

      Report

      Rispondi

      • Skybolt

        07 Giugno 2018 - 18:06

        E se lo fa?

        Report

        Rispondi

        • guido.valota

          08 Giugno 2018 - 03:03

          Se lo fa la situazione si sblocca. Quella attuale è inchiodata win-win per il nostro eroe, e gli frutta una libertà di azione politica illimitata - non solo e non tanto a proposito di immigrazione. I respingimenti DOVRANNO funzionare, senza (troppi) morti, dovranno produrre risultati eclatanti almeno quanto il cambio di rotta, e ogni singolo episodio dovrà supportare la propaganda. Le pare possibile, tutto insieme, nel mondo reale? I trafficanti non staranno guardare. Presumibilmente si adegueranno velocemente all''intensità del blocco (spostarsi, fermare tutto per un po', affondare barconi stracarichi come hanno sempre fatto ogni volta che serviva). Troppo e troppo rapidamente per un orango solo che ha a che fare con le nostre complessità. Confido nell'eterogenesi dei fini e nell'inaffidabilità di una delle due parti contraenti. Se lo fa e ci riesce passa alla Storia. Ma se poi siamo tutti contenti, cosa gli resta per istigare la plebaglia?

          Report

          Rispondi

        • Skybolt

          10 Giugno 2018 - 21:09

          Fatto....

          Report

          Rispondi

Mostra più commenti

Servizi