Perché il governo giusto è pericoloso

Fino a che punto Mattarella riuscirà a temperare le isterie populiste? Il governo Lega-M5s balla, ma quando nascerà sarà l’Italia a ballare se le promesse verranno mantenute. Euro, referendum, il dovere di dire “no”

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

15 Maggio 2018 alle 06:19

Perché il governo giusto è pericoloso

Matteo Salvini (foto LaPresse)

Strano, più che pericoloso. Bizzarro, più che rischioso. Curioso, più che dannoso. Nelle ore che ci separano dalla nascita del governo dello sfascio, se mai questo governo nascerà, l’attenzione di molti osservatori sembra essere stata catturata più dalla forma che dalla sostanza, più dal contenitore che dal contenuto, più dal folclore generato dall’incrocio tra i due campioni del populismo italiano che dalle conseguenze che sul nostro paese potrebbe avere l’incontro tra due partiti che una volta arrivati a Palazzo Chigi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    15 Maggio 2018 - 16:04

    Al direttore - Sinteticamente: quando i risultati elettorali sono la risultante degli umori delle pance e quando ciascuno ha sollecitato le proprie, si esce dalla politica e si entra nell'effimero. Lo status comportamentale proprio dell'elettorato nostrano. E' banale, semplicistico, da ignoranti, ma "la botte dà il vino che ha". Se così non fosse, lei direttore, dovrebbe scrivere ed analizzare diversamente. Invece la sua analisi direttore, conferma e la piena veridicità del proverbio.

    Report

    Rispondi

  • DBartalesi

    15 Maggio 2018 - 15:03

    Spiccherà il volo lo strano biplano "pentaleghista"? Ci sarà il promesso "giro della morte" sui cieli di Europa? Difficile pensarlo. Torri di controllo e radar a terra sono stati allertati, e minacciosamente si è alzato in volo anche qualche "ricognitore". Di Maio sta scrivendo la Storia ma non l'ha mai studiata, e Salvini, che invece è arrivato fin quasi alla laurea, ha capito che cambiare la Storia non è scherzo da ragazzi. Pericolo scongiurato?Forse. Perchè se i due zovinotti di belle speranze restano a terra, alla prossima tornata toccherrà a Berlusconi salire sull'arereo più pazzo del mondo, vabbè, dell'Europa. Con Salvini..

    Report

    Rispondi

  • franco.malandra

    15 Maggio 2018 - 13:01

    Caro Claudio mi hai tolto le parole di bocca. In tutti i casi abbiamo la fortuna di avere un alto e speculatori che tifano per governo M5S-LEGA duro e puro e provo a spiegare perché. Se nuovo governo mantiene promesse gli investitori smettono di comprare nostro debito e a meno che questi venga acquistato da elettori M5S-LEGA lo spread sale, gli speculatori guadagnano, aumentano le tasse e il governo salta. Se non fanno ciò che hanno promesso dovranno difendere il palazzo con l'esercito. Per referendum sull' euro domanda come gestiscono 30 milioni di italiani che assaltano i bancomat. Cordiali saluti Franco

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    15 Maggio 2018 - 12:12

    E' un tema già trattato ampiamente, ma perché il popolo italiano non potrebbe esprimersi sull'euro? In questo caso la "costituzione + bella del mondo" che non prevede referendum di quel tipo va più che bene, direi. Ci si dimentica sempre che il programma della Lega è quello del CDX (quindi anche del Cav.) a parte dettagli sulle aliquote della flat tax. E se siamo a questo punto è perché il fenomeno del Quirinale non ha voluto dare un pre-incarico a qualcuno del CDX, anche solo per farsi bocciare in parlamento e tornare al voto. E perché di quel voto FI e PD hanno una maledetta paura, da qui il "permesso" di Berlusconi ad una trattativa Lega-5S. E quanto fossero distanti i programmi lo si vede dalle estenuanti trattative in corso sui cosiddetti "temi" tanto cari a Di Maio, forse perché era malato quando in classe si svolgevano quelli inerenti all'uso del il congiuntivo. Altro che "gemelli diversi" o "facce della stessa medaglia".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi