E’ sparita la presidenza della Repubblica

Altro che governo Pella. Il Quirinale ha scelto di affrontare il complicato ricambio di governo senza decidere alcunché. La guida del paese è stata ora sostituita da un surreale negoziato ostaggio di barbari. Contro una democrazia dell’inganno

16 Maggio 2018 alle 06:14

E’ sparita la presidenza della Repubblica

Sergio Mattarella (foto LaPresse)

Forse la cosa non è di lancinante interesse, ma è scomparsa la presidenza della Repubblica. La disparizione non è avvenuta tra le lacrime, non indurrà nostalgia. Non è questo necessariamente un tempo di ricordi, tantomeno istituzionali, sebbene si celebri ogni momento le virtù della memoria. Ma due parole commemorative, se non altro per ragioni di garbo istituzionale, vanno scritte comunque.   Il Quirinale ha deciso di affrontare un complicato ricambio di governo senza decidere alcunché. Così a decidere sulle sue...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    16 Maggio 2018 - 19:07

    Si vive di rumor, gossip, spifferi, ergo. L'incarico di formare un governo spettava, costituzionalmente, al Cdx, primo col 37,2%, cioè a Matteo Salvini. Fosse stato certo, sicuro che si sarebbe schiantato glielo avrebbero concesso. Sennonché lo staff e i consiglieri del Presidente Mattarella, non erano certi, sicuri che Salvini si schiantasse. Meglio non correre rischi. Se avesse trovato una maggioranza in Parlamento, tutto l'investimento politico, mediatico e di interessi, fatto sul M5S, sarebbe saltato. Molto meglio cercare di spaccare la coalizione. Gli ingredienti sembravano a portata di mano. Poi Giggino, s'è messo a fare le bizze come se la maggioranza relativa scaturita dalle elezioni, fosse la sua. Non era così. La fiction è partita ed è sfociata, ben dice Ferrara, nella scomparsa della Presidenza della Repubblica. Chiamare Marco Travaglio a farne supplenza, no?

    Report

    Rispondi

  • oliolà

    16 Maggio 2018 - 18:06

    Va be', ma non facciamoci usbergo del centrodestra. A ballare la tarantola con Di Maio sono scesi da Milano che pare non stia più a Nord e, da quel dì, Sesto San Giovanni non è più la Stalingrado d'Italia.

    Report

    Rispondi

  • PAOLO FRANCESCO PERRI

    16 Maggio 2018 - 18:06

    Paolo Francesco Perri Secondo la mia opinione il Presidente Mattarella è cominciato a sparire poco dopo la sua elezione che determinò la fine del "Nazzareno". A quel punto la legislatura era finita e addio alle riforme. La vittoria del no al referendum era da aspettarselo. Si doveva allora andare alle elezioni. Lo doveva capire pure Renzi. si è perso solo tempo

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    16 Maggio 2018 - 17:05

    "E' sparito.." ? No è sempre lì, silente: in "neutro silenzio" sul centro destra al quale non ha dato mandato. Ha preferito democristianamente decidere il bussolotto dei " 2 cantoni " ( 5stars -C.Dx.; 5stars P.D.) . E basta con questa D.C. travestita come 1.0, 2.0, 3. 0, 4.0... E così "morirete" democristiani: anche qualche ex " Radical Pancho Villa" come avrebbe detto Tom Wolfe se fosse vissuto in Italy e, così, avremmo avuto radical predicatori in meno, ma 1 intelligente giornalista-scrittore in più.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi