cerca

La rimborsopoli M5s e i dolori del sen. avv. Buccarella

Le acrobazie retoriche del parlamentare grillino: “Mi tenevo i soldi ma…”

16 Febbraio 2018 alle 21:32

La rimborsopoli M5s e i dolori del sen. avv. Buccarella

Maurizio Buccarella (foto LaPresse)

Roma. Non fa una piega quello che dice. Ed è impossibile non esclamare: bravo Buccarella! Sei tutti noi! Ascoltate la percussione delle parole, mentre il senatore del M5s – espulso – spiega con logica civile e politica la ragione per la quale non ha restituito quella parte del compenso da parlamentare che si era impegnato a rimborsare. “Nel tempo mi sono reso conto che la regola non si dimostrava adeguata alle esigenze di chi appartiene a una categoria professionale, come la mia, che, a fronte di costi e responsabilità che permangono nel corso del mandato parlamentare, non consente una sospensione dell’attività per un lungo periodo senza conseguenze”.

  

E insomma, con aria solenne e compresa, il senatore grillino, che fa l’avvocato nel Salento, sta dicendo che la politica ha un costo. Sta spiegando alle nostre incredule orecchie – lui, il grillino – che impegnarsi davvero in politica sottrae tempo (e denaro) all’attività professionale di chi rappresenta i cittadini nelle istituzioni. E quindi la sua, in fondo, dice Buccarella, è stata una debolezza giustificata “a fronte dell’impegno profuso nell’attività parlamentare e ai sacrifici che imponevo a me, alla mia famiglia e al mio lavoro per sette giorni alla settimana”. I soldi se li è tenuti perché sennò ci rimetteva. Ecco un discorso costituzionalmente e culturalmente ineccepibile, che spiega perfettamente la ragione per la quale, per esempio, esistevano i vitalizi. Un discorso da applausi, si diceva, certo. Se solo però l’avesse firmato, poniamo, l’avvocato Franco Coppi, un principe del foro che guadagna centinaia di migliaia di euro l’anno, o un avvocato di media caratura, uno che insomma a fare il parlamentare ci rimetterebbe sul serio tempo e denaro. Non Buccarella Maurizio da Lecce, che arrivato a Roma nel 2013 a bordo di una Toyota Celica del 2000, dichiarava un reddito pari a 11.000 euro all’anno, cioè novecento euro al mese.

 

Il suo sacrificio professionale è stato infatti talmente sanguinoso che dopo otto mesi a Palazzo Madama – oltre ad aver comprato la macchina nuova – Buccarella è passato a settemila euro al mese. E non finisce qua. L’anno successivo, il 2014, il reddito da parlamentare di Buccarella è salito a 106 mila euro, mentre i guadagni dichiarati da attività professionali, quelli “danneggiati” dall’impegno parlamentare, sono arrivati a dodicimila euro l’anno, ovvero mille in più rispetto a quando era entrato in Parlamento, per un reddito complessivo di 118 mila euro. Il che significa che il povero Buccarella nel 2014 ha guadagnato appena undici volte di più rispetto a quando non faceva il senatore. Nel 2015, poi, il suo reddito da parlamentare si è assestato a 102 mila euro, con un reddito da avvocato-senatore balzato a 23 mila euro, il doppio rispetto a quando era un avvocato-cittadino. Per un totale di 126 mila euro. Infine, nel 2016, Buccarella dichiara 106 mila euro da parlamentare. E qui in effetti c’è il calo sostanziale. L’anno “brutto”. L’anno della crisi nera. Il suo reddito da avvocato cala a quattro mila euro l’anno. E il totale dei suoi redditi, purtroppo, scende a 110 mila euro. Appena dieci volte di più di quanto guadagnava prima di diventare senatore. E in sostanza il ragionamento di Buccarella è giusto. Solo che lui è l’esempio sbagliato. Parla da grande avvocato e da statista, ma a ben guardare è solo uno che ha vinto la lotteria di Grillo e Casaleggio.

Salvatore Merlo

Salvatore Merlo

Milano 1982, giornalista. Cresciuto a Catania, liceo classico “Galileo” a Firenze, tre lauree a Siena e una parentesi erasmiana a Nottingham. Un tirocinio in epoca universitaria al Corriere del Mezzogiorno (redazione di Bari), ho collaborato con Radiotre, Panorama e Raiuno. Lavoro al Foglio dal 2007. Ho scritto per Mondadori "Fummo giovani soltanto allora", la vita spericolata del giovane Indro Montanelli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    16 Febbraio 2018 - 21:09

    11.000€ dichiarati da un avvocato fanno pensare a una sola cosa. Non esistono honesti ma solo grillini non ancora scoperti.

    Report

    Rispondi

Servizi