cerca

Giornalisti e intercettazioni, meglio de ’nu babà.

Le "fughe" di notizie dalle procure e la pubblicazione sui giornali. A proposito di Mastella, davvero notevole il racconto fatto mercoledì sera a “Porta a Porta” da Marcello Sorgi, editorialista della Stampa.

3 Aprile 2015 alle 15:40

Giornalisti e intercettazioni, meglio de ’nu babà.

Al direttore - In effetti non è nemmeno colpa dei politici, che però finora sono stati al gioco. E’ la magistratura che, quando si tratta di personaggi vicini, che so, a Formigoni, riempiono le redazioni di notizie e altri elementi in quantità tali da consentire una clamorosa apertura ai Tg di Mentana e Berlinguer, di offrire spunti per le scene di Crozza, di confezionare titoloni per il Fatto e Repubblica. Quando invece un personaggio è vicino a un’altra area, in particolare di sinistra – nel caso si tratta del capo di gabinetto del presidente della regione Lazio, il Pd Zingaretti – allora scatta la cautela, direi la protezione degli inquirenti, la discrezione citata dall’inquisito. Se questa è giustizia!!! Ma attenti, perché il vento non spira sempre nella stessa direzione e le forze in campo sono molteplici, variegate e intrecciate in modi imprevedibili per cui tutto veramente può succedere se non si fa giustizia vera, ma, troppo spesso strumentale, smaccatamente strumentale. Dopo i governi di Craxi, Berlusconi 1994, Prodi/Mastella e, ancora, Berlusconi 2011, ce ne sarà qualcun altro colpito dai pm? Certo, se non si pone seriamente mano a una rigorosa e incisiva riforma della giustizia che  stabilisca i poteri e i limiti delle procure, senza timore di ricatti che portano sempre a soluzioni al ribasso e del tutto inutili.

Enrico Venturoli

 

 

A proposito di Mastella, davvero notevole il racconto fatto mercoledì sera a “Porta a Porta” da Marcello Sorgi, editorialista della Stampa. Sorgi ha raccontato che nel 2008, da inviato della Stampa a Napoli per seguire proprio la Mastelleide, si ritrovò al Caffè Gambrinus con quattro colleghi giornalisti. Dopo una telefonata arrivata a uno dei colleghi, si presentò al tavolo un funzionario della prefettura, racconta Sorgi, che gli consegnò una chiavetta contenente “in anteprima” i file di tutte le intercettazioni che riguardavano la famiglia Mastella. In quei file c’erano anche intercettazioni non utilizzabili ai fini processuali (Mastella all’epoca era ministro). Praticamente, meglio de ’nu babà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi