cerca

Io, Adriano Sofri, non sono Cesare Battisti

La mia reputazione ha avuto una piccola impennata. C'entrano un irresistibile senatore leghista, una senatrice grillina e alcune sapide righe del Fatto 

14 Dicembre 2018 alle 16:23

Io, Adriano Sofri, non sono Cesare Battisti

Cesare Battisti (foto LaPresse)

La mia reputazione ha avuto una piccola impennata, giovedì, grazie a un irresistibile senatore leghista che parlava in pro della legge contro i reati nella pubblica amministrazione (video sotto). Costui ha prima imputato ai senatori seduti a sinistra di aver “addirittura difeso Sofri Bompressi e Pietrostefani” (se l’era scritto, per non sbagliare), poi ha perfezionato vibratamente la cosa: “E a proposito di Sofri io spero che il presidente Bolsonaro finalmente lo assicuri alle patrie galere per i crimini schifosi che ha commesso in Italia”. A questo punto i senatori leghisti sono scoppiati in un applauso. Mancava solo un altro dettaglio, la presidenza del Senato, in quel momento tenuta da una signora 5 stelle, la quale ha detto: “Rimanga nell’ambito del provvedimento, la magistratura farà il suo dovere nell’ambito di quello che è il suo compito”. Citazioni testuali, del resto la registrazione è disponibile, anche sul Fb dell’oratore, evidentemente fiero del colpo che aveva assestato: solo più tardi ne ha aggiunto uno tagliato. Ho saputo della mia riuscita da un articolo di Sansonetti sul Dubbio. Nessun altro sembra essersene accorto, forse per il leggendario rispetto che hanno per la privacy, compresa la mia. Ah no, il Fatto ha dedicato al fatterello alcune sapide righe, nelle quali si dice di passaggio che “l’ex leader di Lotta Continua ha finito di scontare la pena (in parte in carcere in parte in libertà)… nel 2012”. E’ la prima volta che leggo di una pena scontata in libertà. Era la mia giornata fortunata.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ALESSIO.DIMICHELE

    17 Dicembre 2018 - 17:05

    Viste: 1) l' ignoranza (meglio: l' ignorantezza) che regna sovrana, e 2) il manettarismo imperante, le consiglio caldamente di stare lontano dagli austriaci e dal castello del Buonconsiglio a Trento.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    15 Dicembre 2018 - 03:03

    Caro Sofri, il Parlamento è sovrano. Sempre, pure nell’accogliere nelle sue aule, pochi uomini e tanti mezz'uomini, ominicchi, pigliainculo e quaquaraquà. Il nodo è che quasi mai sono genuinamente ignoranti, ridicoli, comici, come accaduto ieri fornendole l’assit per sbeffeggiarli, con ironica signorilità. Quasi sempre sono convinti di essere intelligenti, acuti, acculturati, competenti. Credere di essere un concentrato di virtù, non essendolo, è tratto tipico dei mezz'uomini, ominicchi, pigliainculo e quaquaraquà. Il santo proverbio recita: “La botte dà il vino che ha”

    Report

    Rispondi

  • Carlo A. Rossi

    14 Dicembre 2018 - 17:05

    Per quanto io non condivida molto spesso le Sue posizioni, caro Sofri, né quelle di oggi né quelle della Sua gioventù, non di meno sono d'accordo con Lei su questo punto. Battisti era ed è un volgare criminale, che ha usato l'ideologia politica per costruirsi una facciata rispettabile: era un farabutto ben prima di dichiararsi appartenenten ad un gruppo extra-parlamentare terrorista. Lei, invece, mi sembra che credesse davvero in quanto diceva: questo non Le toglie eventuali responsabilità per quanto commesso, se provate. Ed anche il fatto di non aver mai chiesto grazia, per me è comunque un motivo di rispetto. Paragone quindi ingiusto e direi pure ingiurioso.

    Report

    Rispondi

    • mauro

      14 Gennaio 2019 - 13:01

      Però, però, caro Rossi, Sofri non ha mai avuto bisogno di chiedere nulla. La sua vicenda giudiziaria si è svolta in automatico all'insegna della prudenza e della comprensione, come è giusto che sia. Peccato che tale automatismo richieda di solito particolari requisiti..........

      Report

      Rispondi

    • branzanti

      14 Dicembre 2018 - 21:09

      Grazie caro Rossi per il Suo commento. Sottoscrivo ogni parola.

      Report

      Rispondi

  • tonio dicembre

    14 Dicembre 2018 - 17:05

    e Mogol faceva il palo.

    Report

    Rispondi

Servizi