cerca

Scrivere uno sguardo

La bravura degli sceneggiatori di “Gomorra” non potremmo esportarla anche nel cinema?

22 Novembre 2017 alle 06:00

Scrivere uno sguardo

Una scena della serie tv Gomorra

“Abbiamo scelto il meglio”. Lo garantivano i produttori di “Gomorra” all’avvio della prima stagione televisiva, proseguendo nella direzione giusta: già il film diretto da Matteo Garrone aveva preso il libro di Roberto Saviano collocandolo senza ripensamenti sullo scaffale della fiction. Non sullo scaffale del reportage con i nomi, i cognomi, la camorra che ti vuole ammazzare. Una cosa volevamo chiedere allora, e una cosa vogliamo chiedere adesso, ai produttori che vengono dal cinema (Riccardo Tozzi, Giovanni Stabilini, Marco Chimenz, Gina Gardini): non si potrebbe scegliere il meglio anche lavorando per il grande schermo, togliendo il cinema italiano dall’imbarazzante stato in cui si trova?

   

La terza stagione di “Gomorra” – due episodi programmati nelle sale il 14 e 15 novembre hanno incassato 500 mila euro, che di questi tempi non sono da buttare via, il debutto lo scorso venerdì su Sky Atlantic ha battuto il “Trono di spade” – continua a sfoggiare tutto quel che al cinema italiano ancora manca. Non stiamo parlando solo dei criminali che la abitano, mentre sullo schermo son tutti simpatici e carini, al massimo con scivolate di volgarità per famiglie. Ha una sceneggiatura vera, non le pagine di dialoghi fintamente colti care ai registi che buttano giù da soli i copioni (così poi possono dire in conferenza stampa: “E’ un film che sento profondamente mio”). Dietro “Gomorra, la serie” c’è gente che scrive bene – i nomi sono Leonardo Fasoli, Maddalena Ravagli, Ludovica Rampoldi.

  

Servono gli sceneggiatori bravi anche se i camorristi pronunciano poche parole, quasi sempre in napoletano stretto e bisognose di sottotitoli – non andrà meglio quando la terza stagione si aprirà verso “le Scampie d’Europa”. Vanno scritti – e sono difficili da girare bene – anche gli sguardi (raramente di complicità, qualche volta di intesa, più spesso di odio, sempre di sospetto). Vanno scritti i morti ammazzati in pose plastiche davanti alla cappella di famiglia. Vanno scritti i funerali in pompa magna, con gigantografia proiettata sul muro delle Vele di Scampia. Vanno scritti i carri funebri con le candele elettriche e l’oro barocco – fanno sembrare la casa dei Savastano un appartamentino minimalista. Magnifica anche la casetta che Genny ha comprato per la consorte, a Roma, dopo la nascita dell’erede (sfortunato lui): esterno bianco e geometrico, interno ribollente di broccati (“l’ha fatta uno di Secondigliano che ha vissuto un po’ in Inghilterra” spiega Genny con la testa mezza rasata e mezza con i riccetti brillantinati).

  

E’ morto Pietro Savastano, come sanno gli affezionati alla serie. Non stiamo neanche a contare gli altri cadaveri: registriamo che anche qui – come nel “Trono di Spade” – nessuno è al sicuro. Né Genny, né Ciro detto l’Immortale (peraltro molto somigliante a Roberto Saviano), né Malammore. Cominciano i sospetti, le vendette, i doppigiochi, una bella scelta di “figure nel paesaggio”: vendicatori e killer su sfondi desolati.

  

Al confronto, “I Soprano” erano gente che se la spassava a guardare le anatre in piscina consolandosi con le sedute dalla dottoressa Melfi, destinataria di qualche mezza verità: “Lavoro nello smaltimento rifiuti”, dice Tony Soprano mentre un cadavere avvolto nella plastica viene buttato in discarica. In “Gomorra 3” il nemico sudamericano viene fatto a pezzi con la mannaia, la testa avvolta nella plastica per la fotografia, sotto gli occhi terrorizzati del contabile Gegè, che sa pulire i soldi sporchi ma non ha idea di quanta fatica serva per togliere il sangue da un pavimento di mattonelle.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi