cerca

Chiesti 15 anni per Mori. L'ultimo paradosso nel processo sulla Trattativa

L'ex capo del Ros ed ex direttore del Sisde si rivede di nuovo accusato delle stesse vicende per le quali è stato già assolto. Lo spirito del tempo potrebbe influire su questa sentenza

26 Gennaio 2018 alle 16:36

Loading the player...

Le richieste di pena pronunciate oggi nell'aula bunker dell'Ucciardone da parte del procuratore aggiunto Vittorio Teresi, che ha concluso la requistoria della pubblica accusa al processo Trattativa, sono in scala con il tipo di impostazione della requisitoria stessa. Colpisce inevitabilmente il fatto che un pluriassassino capomafia come Leoluca Bagarella sia sanzionato con una pena di un solo anno superiore a quella del generale Mario Mori che arrestò Totò Riina: 16 anni per il primo, 15 anni quelli richiesti per Mori. Ma poi via via in scala per i 10 imputati superstiti di questo processo durato quasi cinque anni.

   

Richieste che in realtà devono sostanziare l'impostazione accusatoria che vuole ribaltare i numerosi processi che sui temi di questa indagine nata diversi anni fa, dalla mente del procuratore aggiunto Ingroia, ha portato a numerosissime assoluzioni degli stessi imputati che ora si rivedono di nuovo accusati delle stesse vicende per le quali sono stati già assolti. Questo è un paradosso di questo processo. Un processo tutto induttivo, tutto politico si potrebbe dire, che dal punto di vista giudiziario poco dovrebbe offrire alla pubblica accusa. Attenzione però a un aspetto: per un escamotage procedurale – che sarebbe troppo complicato riassumere in questa sede – il processo si svolge in corte d'assise pur riferendosi a reati che non sono sottoposti a quel tipo di giudizio. La giuria popolare può essere il rischio che la difesa dovrà cercare in qualche modo di neutralizzare. Lo spirito del tempo potrebbe influire su questa sentenza che dal punto di vista, invece, dei fatti non dovrebbe offrire alcuna soddisfazione alla pubblica accusa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    26 Gennaio 2018 - 20:08

    Chiedo scusa, ma per non vanificare la mia presa di posizione- di solito gli errori digitali non li correggo- intendevo scrivere "campate in aria", riferite alla richiesta di condanna del pubblico ministero.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    26 Gennaio 2018 - 18:06

    Richieste così spropositate sono di per se il segno della sconfitta e ...di qualcos'altro

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    26 Gennaio 2018 - 17:05

    Queste richieste di condanna sono campate in area per reati tutti da provare. Poi dovrei essere ultra polemico e mi astengo per carità di patria

    Report

    Rispondi

Servizi