Cosa sono le “catene umane” degli studenti a Hong Kong

09/09/2019

Le immagini delle proteste antigovernative nella ex colonia britannica, come quelle di trent'anni fa nei paesi baltici. Che cosa chiedono i manifestanti

Trent’anni fa, tenendosi per mano, quasi due milioni di cittadini dei paesi baltici avevano formato una lunga catena umana. Circa 600 chilometri passando attraverso Tallinn, Riga e Vilnius, capitali di Lituania, Estonia e Lettonia, per chiedere l’indipendenza dall’Unione sovietica. Oggi, così come a fine agosto, migliaia di studenti provenienti da oltre 120 istituti scolastici di Hong Kong – in uniforme e molti con indosso maschere protettive o antigas – hanno formato catene umane a sostegno delle proteste antigovernative iniziate più di tre mesi fa.

 

Oggi alcuni attivisti della Hong Kong Student Strike Alliance, che ha dato il via ai boicottaggi delle lezioni, hanno riletto il comunicato del 29 agosto scorso nel quale minacciavano un'escalation delle azioni nel caso in cui non fossero soddisfatte entro il 13 settembre prossimo tutte e cinque le richieste dei manifestanti: queste comprendono, oltre al ritiro della legge sull'estradizione – già annunciato dalla leader di Hong Kong, Carrie Lam – anche l'amnistia per i manifestanti arrestati, il ritiro dell'accusa di “rivoltosi” per i manifestanti, l'istituzione di una commissione indipendente di inchiesta sull'operato della polizia nella gestione delle proteste e la riforma politica per il suffragio universale nell'ex colonia britannica.

  

Per approfondire leggi anche:

 

La protesta di Hong Kong vince il primo round contro Pechino

Carrie Lam ha ritirato formalmente la legge sull’estradizione. Dedicato a quelli che la democrazia è finita, fallita, perduta

 

Tre arresti eccellenti a Hong Kong

Pechino non cede sulla linea durissima. E sabato ci saranno nuove manifestazioni

 

Più che manganelli e lacrimogeni, a Hong Kong si combatte la disinformazione

La campagna martellante del governo per silenziare le proteste

 

Come è iniziata la guerra contro la realtà. Parla Peter Pomerantsev

Propaganda, disinformazione e cospirazione per fermare le proteste a Mosca e Hong Kong. I rischi sono anche in occidente

 

Pechino non ha una soluzione reale per il problema Hong Kong

La Cina vorrebbe risolvere in fretta la questione, ma sostituire l’hub finanziario con la limitrofa Shenzhen non funzionerebbe