Tocqueville in Cina

Giulio Meotti

“Senza cristianesimo, la democrazia al tempo del virus e dei social muore nel distanziamento. Ecco come diventeremo cinesi”. Parla Joshua Mitchell

Il Center for Infectious Disease Research and Policy dell’Università del Minnesota ha dichiarato che “la pandemia di coronavirus durerà ancora per 18-24 mesi, ovvero fino a quando il 60-70 per cento della popolazione mondiale non avrà contratto la malattia, e un vaccino potrebbe aiutare ma non in tempi rapidi”. Che effetto avrà sulla democrazia questo lunghissimo distanziamento sociale che diventa sistemico?

 

Si prefigura un mondo dal ristretto cerchio sociale e dove lo stato fornisce pane e intrattenimento per distrarci

Se lo è chiesto Joshua Mitchell, docente alla Georgetown University, fra i massimi studiosi di Tocqueville, autore di “The fragility of freedom: Tocqueville on religion, democracy and american future” (University of Chicago Press, 1995), “Plato’s fable” (Princeton University Press, 2006) e di prossima pubblicazione “America awakening”. Mitchell se lo è domandato nei giorni scorsi in un saggio dal titolo “Can democracy survive social distancing?”. E ha fatto non poco discutere. “L’uomo non può vivere di solo pane – o forse può? Abbiamo intrapreso uno straordinario esperimento globale per vedere se possiamo, in effetti, vivere solo di pane”.

 

Per molti americani, la vita al tempo del coronavirus si conforma, piuttosto che sconvolge, a molte delle abitudini prestabilite. “Queste sono le abitudini che secondo Alexis de Tocqueville avrebbero fornito le basi per il ‘dispotismo gentile’ che ci attende alla fine della storia”, scrive Mitchell, che si domanda: “Possiamo davvero sopportare questo tipo di mondo – un mondo che ci circonda in uno ristretto circolo sociale, assicurato dallo stato che il pane sarà ampiamente fornito e intrattenuto in modo che la noia e l’ansia che segnano invariabilmente la vita terrena non debbano preoccuparci? Per capire il tipo di tirannia che avremmo dovuto temere per il futuro si deve leggere ciò che scrisse nel 1840 ne ‘La democrazia in America’. La sua previsione è incredibilmente profetica. Comprese che con il crollo dell’età aristocratica, i ruoli sociali assegnati a noi e i nostri obblighi verso gli altri sarebbero scomparsi e che ci sarebbero stati sempre meno legami a collegarci l’un l’altro. Aveva capito che saremmo stati perseguitati dalla solitudine e che avremmo cercato il sostegno dell’unico potere visibile, lo stato, per i nostri bisogni. È ‘dispotismo con un altro nome’ (per parafrasare Tocqueville), che attacca direttamente le nostre anime promettendo sicurezza fisica e incoraggiando l’intrattenimento senza fine per distrarci dalla noia e dall’ansia. Ma questo stato, o questo super-stato, fa qualcos’altro che Tocqueville non aveva previsto: ci allevia dal debito non pagato che così tanti occidentali sentono a causa della loro storia nazionale”.

 

Il cristianesimo in Europa oggi è un imbarazzo o, nella migliore delle ipotesi, un pezzo da museo separato da una lastra di plexiglas

Tocqueville fece un’opera di demistificazione ideologica che ci appare ancora oggi attuale perché alcuni grumi della storia contemporanea si formarono proprio nella Rivoluzione francese. “Dovremmo porre la domanda: cosa intendiamo per democrazia?”, dice Mitchell al Foglio. “Se intendiamo un accordo in cui i cittadini votano ogni numero di anni in elezioni legittime, la risposta è che il blocco non causerà l’erosione democratica. Dopo che l’epidemia di Wuhan si sarà dissipata, ogni democrazia occidentale avrà elezioni. Tuttavia, anche se si tiene il rituale del voto, le nostre democrazie sono in gravi difficoltà. I teorici politici più perspicaci hanno sempre capito che la democrazia può funzionare solo se si hanno cittadini competenti e che tale competenza può essere formata solo attraverso relazioni faccia a faccia. Il distanziamento sociale impedisce la formazione di tali relazioni. Dovremmo ovviamente adottare misure per proteggere coloro la cui età e condizioni preesistenti li rendono vulnerabili alla morte per la pandemia. Questo è ciò che è richiesto a una civiltà dignitosa. Qui c’è dell’altro, c’è uno sforzo per accendere la brace della paura della morte e trasformarla in un inferno. E’ così che la tirannia ci supererà senza sparare un colpo. Ciò che la pandemia ha fatto è mostrarci la conclusione logica del lungo esperimento di una concentrazione senza limiti di potere politico, ovvero che i cittadini non contano più l’uno sull’altro. Nel XIX secolo, Tocqueville scrisse notoriamente che ‘un tiranno non si preoccuperà se i cittadini non lo amano, a condizione che non si amino’. Con questo intendeva dire che il modo migliore per assicurare la tirannia è assicurarsi che i cittadini siano isolati e soli. Il distanziamento sociale fa questo”.

 

Secondo Mitchell, solo una cosa può temperare oggi statalismo e socialismo che avanzano col virus: il cristianesimo. “Il cristianesimo ha dato all’uomo un modo di vivere con la morte. Il termine ‘Vangelo’ significa ‘buone notizie’. La ‘cattiva notizia’ era il peccato dell’uomo e la maledizione della morte, che la Resurrezione ha superato. L’uomo occidentale ha rinunciato al cristianesimo, ma non alla necessità di superare la morte. Quindi l’uomo occidentale si è rivolto al vangelo della scienza. La pandemia ha dimostrato dove risiede la nostra fede. Non nelle chiese. E nemmeno nella natura, su cui potremmo eventualmente contare per sviluppare ‘l’immunità del gregge’. No, contiamo sulla scienza per sviluppare un vaccino, che ci proteggerà dalla morte. Ora e in futuro, è davvero questo il modo in cui affronteremo le pandemie, bloccando il mondo intero fino a quando la scienza ci salverà dalla morte, con un vaccino? Le implicazioni politiche di questo modo di pensare ‘scientifico’ dovrebbero spaventarci tutti. La morte non è stato l’unico problema a cui il cristianesimo ha fornito una risposta all’uomo occidentale. Gli fornisce anche una risposta al problema del peccato. Per il cristiano, le trasgressioni dell’uomo potevano essere risolte solo dall’auto-sacrificio di Cristo, l’agnello di Dio, che toglie i peccati del mondo, come proclama il Vangelo di Giovanni (1:29). In che modo, tuttavia, le trasgressioni dell’uomo – guerra, colonialismo, schiavitù e il vasto catalogo della violenza a cui l’uomo è incline – devono essere affrontate senza il cristianesimo? Quella domanda è ora l’agonia dell’Europa post-cristiana, che sente ancora il senso di colpa del cristianesimo, ma non crede più al perdono di Dio. Oppure, per dirla in termini più ironici, l’Europa post-cristiana crede ancora e all’ira di Dio, ma non nella misericordia di Dio. In che modo dunque l’uomo europeo oggi solleva l’onere della sua colpa? Attraverso l’infinita distrazione e intrattenimento. A un livello più profondo, lo fa rinunciando alla sua nazione e a tutte le istituzioni – la famiglia tradizionale, la chiesa – che sono colpevoli di trasgressioni. E’ la malata promessa di oggi : ‘Vieni da me e ti darò conforto per i pesi che sopporti, che il cristianesimo non può più sollevare dalle tue spalle’. Questi due problemi, la morte e il peccato, per i quali una volta il cristianesimo forniva risposte, ora rispondono all’uomo europeo attraverso la scienza che ci salva dalla morte e un’Unione europea politicamente corretta che ci salva dalla colpa”.

 

Negli Stati Uniti no, ma in Europa si elogia il “modello cinese”. “Sono ossessionato da un passaggio nella democrazia di Tocqueville: ‘se l’uomo ha fede, sarà libero; se non ha fede, obbedirà’. Con questo intendeva dire che se abbiamo paura della morte, ci inchineremo a un ordine politico tirannico che promette di salvarci dalla morte. Se l’uomo è solo un essere materiale, che non ha un significato spirituale più profondo nello sviluppo del cosmo, allora la libertà è follia e l’efficienza

La pandemia ci ha mostrato dove risiede oggi la nostra fede: non nelle chiese e neanche nella natura, ma nella scienza

autoritaria è tutto ciò che serve. Se l’occidente rinuncia alle pretese dell’anima, alla base di tutto ciò che era buono e decente nella civiltà europea e anglo-americana, il modello cinese non sarà evitabile. All’inizio del XX secolo, i bolscevichi pensarono di poter saltare la rana della fase capitalistica della storia che l’Europa aveva subito e atterrare direttamente al comunismo, il culmine della storia umana. Non possiamo dire fino a che punto questo sogno bolscevico sia stato animato dalla sua rabbia e dal suo risentimento verso l’Europa. All’inizio del XXI secolo, la Cina, con orgoglio ferito, pensa che possa saltare la rana dell’occidente attraverso il digitale e la tecnologia, con la quale renderanno tutta la vita umana dei bit digitali che possono essere monitorati e controllati. L’uomo cessa di essere uomo in un mondo simile. Questo, tuttavia, è il mondo che la Cina desidera costruire, al fine di lasciarsi l’occidente, ancora bloccato nel disordinato mondo analogico, alle spalle. Non penso che possa funzionare, perché penso che il mondo digitale possa integrare il mondo analogico, ma non sostituirlo. I cinesi non ci credono. Il grande esperimento della prima metà del XXI secolo coinvolgerà la questione della giusta relazione tra il mondo digitale e quello analogico. Questa è la mia previsione”.

 

La quarantena è il sogno dei social media, che Mitchell ha sempre criticato molto. “Non capiremo il potere e la patologia dei social media a meno che non pensiamo a questo. Le vitamine possono essere un supplemento di un pasto, ma se diventano un sostituto del pasto, ci ammaliamo. Gli ‘amici’ sui social media sono integratori della vera amicizia, ma non possono sostituirla. Un altro modo per dirlo è che il mondo digitale può integrare il mondo analogico (della vera amicizia), ma non può sostituire il mondo analogico. Eppure, questo è ciò che molti di noi hanno cercato di fare negli ultimi dieci anni circa: vivere interamente nel mondo digitale. Ecco perché così tanti di noi si sentono entrambi potenziati dal mondo digitale e malati, soli e vuoti per questo. L’uomo non può vivere solo sui social media. Il mondo analogico è il regno dell’amicizia, del coraggio, dell’amore, dell’associazione politica, del giudizio. Vedremo presto, in Cina e altrove, se possiamo farne a meno”.

 

Viviamo nella distopia di Aldous Huxley o George Orwell? “Se l’uomo è solo un essere materiale, che porta germi cattivi o ne è libero – o che ha idee cattive o pulite – allora il nostro futuro consisterà in una sorveglianza infinita, che libera il corpo-sociale dalla sua impurità. Solo se c’è qualcosa dentro l’uomo che il mondo materiale non può misurare, possiamo respingere la sorveglianza. Huxley e Orwell erano diversi tipi di uomini e diversi tipi di autori. Eppure si ponevano la stessa domanda: che tipo di essere deve essere l’uomo per giustificare l’opposizione allo stato totale che vuole controllare i nostri movimenti e i nostri pensieri? Stiamo ancora cercando una risposta. Il cristianesimo una volta offrì una risposta: l’uomo fu creato a ‘immagine di Dio’ (Gen. 1:27), più in alto dei bruti, eppure più in basso degli angeli. Capace di volgersi verso l’oscurità e il male e tuttavia, attraverso Cristo, capace di diventare figli e figlie adottivi di Dio, cioè l’uomo. Le implicazioni politiche erano chiare: poiché l’uomo si volge al male, il potere politico deve essere diviso, in modo da evitare la tirannia; poiché l’uomo può essere elevato al regno celeste, il potere politico non deve essere impiegato per schiacciarlo. Cosa succede, tuttavia, quando la visione cristiana che nobilita l’uomo viene persa o distrutta? Che dire dell’Europa oggi? Il cristianesimo è un imbarazzo o, nella migliore delle ipotesi, un pezzo da museo attentamente custodito, separato da una lastra di plexiglas”.

 

La Cina pensa di saltare la rana dell’occidente attraverso il digitale e la tecnologia, renderanno tutta la vita umana dei bit digitali

La pandemia di Wuhan ha rivelato molti problemi. “La nostra paura della morte invita a una tirannia eccessiva, su cui i cittadini sono stranamente imperturbabili. Dopo aver abbandonato l’idea dello stato dopo il 1989, ora abbiamo scoperto che senza lo stato è impossibile combattere i problemi globali. Pensavamo che i problemi globali richiedessero soluzioni globali; risulta che i problemi globali richiedono soluzioni statali. Il distanziamento sociale ci salva dal virus, ma pian piano ce ne dà un altro, il virus politico che porta alla tirannia. Tutti questi problemi possono essere risolti, ma non nell’attuale comprensione post-cristiana dell’uomo occidentale”.

 

Mitchell conclude al Foglio ricordando una pagina del “Mondo nuovo” di Huxley. “E’ la conversazione tra il controllore, Mustapha Mond, e John Savage, che rifiuta la società. Mond dice che se vuole la libertà, l’amicizia, l’amore e i bambini, deve convivere con il dolore e con la morte”. Il “mondo nuovo” a chi lo abita appare come un paradiso. Ma non a Savage, l’uomo scandalosamente nato non in provetta ma nell’ultima Riserva Indiana. “Io rivendico il diritto di essere infelice”, proclama il Selvaggio a Mond, che gli risponde: “Si accomodi”. Savage preferisce la libertà con tutti i suoi rischi alla loro vuota e rassicurante felicità e l’inferno al loro paradiso malthusiano e scientificamente perfetto che ha cancellato la vecchiaia e la morte, la malattia e la religione, e con essi di fatto la stessa vita.

Di più su questi argomenti:
  • Giulio Meotti
  • Giulio Meotti è giornalista de «Il Foglio» dal 2003. È autore di numerosi libri, fra cui Non smetteremo di danzare. Le storie mai raccontate dei martiri di Israele (Premio Capalbio); Hanno ucciso Charlie Hebdo; La fine dell’Europa (Premio Capri); Israele. L’ultimo Stato europeo; Il suicidio della cultura occidentale; La tomba di Dio; Notre Dame brucia; L’Ultimo Papa d’Occidente? e L’Europa senza ebrei.