cerca

Ci sono poche novità nel nuovo memorandum con la Libia

La bozza di accordo a cui ha lavorato Di Maio prevede ancora finanziamenti alla Guardia costiera di Tripoli e si appella alla Convenzione di Ginevra (che i libici non hanno mai ratificato)

13 Febbraio 2020 alle 16:59

Il memorandum con la Libia, fatto a pezzi

Luigi Di Maio (foto LaPresse)

Da mesi il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è impegnato in prima persona nel condurre le trattative con il governo nazionale di Tripoli per modificare il memorandum concluso con la Libia nel 2017. Il documento, che stabilisce un sistema di coordinamento tra i due paesi per la gestione delle politiche migratorie, si è rinnovato automaticamente lo scorso 2 febbraio, senza che Roma e Tripoli avessero ancora trovato l’intesa sulle modifiche da apportare.   Ieri però Avvenire ha pubblicato una...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Luca Gambardella

Luca Gambardella

Sono nato a Latina nel 1985. Sangue siciliano. Per dimenticare Littoria sono fuggito a Venezia per giocare a fare il marinaio alla scuola militare "Morosini". Laurea in Scienze internazionali e diplomatiche a Gorizia. Ho vissuto a Damasco per studiare arabo. Un paio di tirocini al ministero Affari esteri e al Parlamento europeo, abbastanza per capire che dovevo fare altro. Nel 2012 sono andato in Egitto e ho iniziato a scrivere di Medio Oriente e immigrazione come freelance. Dal 2014 lavoro al Foglio.it

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi