cerca

Contro l’aggressione etnica

Cacciare la Turchia della Nato non è fattibile (e non conviene)

Il Patto atlantico non prevede la rimozione di un paese membro e c’è il rischio di sfasciare tutta l’alleanza occidentale. Il via libera all'operazione militare in Siria l’ha dato Trump

11 Ottobre 2019 alle 20:34

Cacciare la Turchia della Nato non è fattibile (e non conviene)
Roma. In questi giorni si parla molto della possibilità di espellere la Turchia dalla Nato, dopo l’inizio delle operazioni militari nel nord della Siria contro i curdi delle Forze siriane democratiche che hanno spazzato via lo Stato islamico territoriale da quella regione, in tandem con l’America. Adriano Sofri su questo giornale fa un’appassionata esposizione del perché dovrebbe essere fatto. Ci sono però dei problemi e il primo è senz’altro quello tecnico, nel senso che dal punto di vista legale quella...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Daniele Raineri

Daniele Raineri

Di Genova. Nella redazione del Foglio mi occupo soprattutto delle notizie dall'estero. Sono stato corrispondente dal Cairo e da New York. Ho lavorato in Iraq, Siria e altri paesi. Ho studiato arabo in Yemen. Sono stato giornalista embedded con i soldati americani, con l'esercito iracheno, con i paracadutisti italiani e con i ribelli siriani durante la rivoluzione.

Segui la pagina Facebook

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • eleonid

    12 Ottobre 2019 - 13:01

    I nostri antenati europei ,quelli che per vincere l'imperialismo nazista , hanno dovuto chiedere aiuto agli americani non si sarebbero mai immaginato che gli americani di oggi sono di fatto i nostri principali nemici. Pronti al tradimento di nuovi e vecchi accordi pur di sfasciare l'Europa. Un'Europa che ,come oggi concepita, mostra evidentemente i suoi limiti , ma che dovrà fronteggiare oltre allo storico ostracismo russo anche quello americano . E per farlo deve sempre più compattarsi e lasciare da parte le stupide beghe da condominio. Mi auguro che con gli attuali episodi turchi , non del tutto sorprendenti dopo l'invasione russa dell'Ucraina per annettersi la Crimea , i paesi europei si rendano conto ,come afferma anche il presidente Mattarella , che se l'Europa non vuole sfasciarsi debba assumere una politica univoca per ostacolare la recrudescenza imperialista dei passati regimi , ottomano e russo, che la storia ha definitivamente condannato.

    Report

    Rispondi

  • robyv73

    12 Ottobre 2019 - 00:12

    Concordo con le obiezioni ma mi domando se Erdogan in cambio degli S300 oltre a vagonate di dollari non abbia anche offerto alla Russia qualche segreto della NATO. La Turchia durerà sicuramente più del suo sultano ma questo può fare danni irreparabili alla NATO pur di raggiungere il suo scopo.

    Report

    Rispondi

  • branzanti

    11 Ottobre 2019 - 21:09

    Raineri ha ragione, sfasciare la Nato fin quando (quando?) non avremo una vera alleanza militare ed un vero esercito europei non porterebbe reali vantaggi. Certo continuare a dover fingere di essere alleati degli Usa (e soprattutto che loro lo siano nei nostri confronti) crea qualche orticaria. Allora montellianamente turiamoci il naso, restiamo nella Nato e fingiamo di essere amici.

    Report

    Rispondi

Servizi