cerca

Il flirt iraniano di Trump

E se l’obiettivo del presidente fosse un incontro (storico) con gli ayatollah? Segnali d’avvicinamento

23 Luglio 2019 alle 06:00

Il flirt iraniano di Trump

Donald Trump firma nuove sanzioni contro l'Iran. Al suo fianco Steven Mnuchin e Mike Pence (Foto LaPresse)

Roma. Non c’era un periodo così teso nel Golfo da molti anni per colpa della situazione di quasi-guerra con l’Iran, ma in tutto questo è necessario considerare sempre che il presidente americano, Donald Trump, aspira a ripetere con i nemici iraniani l’exploit diplomatico visto con la Corea del nord. Il contesto è molto duro, fatto di continue manovre e contromanovre militari nello Stretto di Hormuz che fino a pochi mesi fa sarebbero state considerate gravissime e invece oggi sembrano quasi la normalità. Dall’inizio di maggio a oggi abbiamo visto sei petroliere danneggiate da sabotatori anonimi (il primo sospettato è l’Iran), l’arrivo di duemila militari americani, un aereo spia americano molto sofisticato abbattuto in alta quota da un missile dell’Iran, un attacco americano annullato all’ultimo momento, un drone iraniano abbattuto dagli americani (dice Trump) e una petroliera britannica catturata dai militari iraniani per rappresaglia contro il sequestro di una petroliera iraniana a Gibilterra (portava carburante al regime siriano di Bashar el Assad in violazione delle sanzioni dell’Unione europea). Senza contare che venerdì un velivolo non ancora identificato ha bombardato per la prima volta una base con militari iraniani in Iraq. Eppure in tutto questo è chiaro che Trump vorrebbe ripetere con il regime dell’ayatollah Khamenei quello che ha fatto con la Corea del nord. Anche la sequenza di avvicinamento è simile. Per arrivare a negoziare di persona con il dittatore nordcoreano Kim Jong Un, il presidente americano usò nella fase iniziale un approccio durissimo, promise che avrebbe risposto ai test di Kim con “fire and fury”, irrise Kim e lo chiamò “l’uomo razzo”. Poi quando la tensione divenne molto alta accennò alla possibilità di un incontro personale e ci fu una svolta diplomatica. Da allora i contatti sono diventati frenetici. Trump ha incontrato Kim già tre volte ormai – e in ogni occasione i media sono impazziti. Durante l’ultimo incontro il presidente americano ha varcato la linea di confine nella zona demilitarizzata tra Corea del nord e Corea del sud per stringere la mano a Kim e non era mai successo prima. Che importa se risultati concreti per ora non ce ne sono e la Corea del nord non ha alcuna intenzione di rinunciare alle armi nucleari, l’attenzione attorno a Trump è stata altissima e quindi i negoziati dal suo punto di vista sono senz’altro una cosa eccellente. Kim nel frattempo si gode una legittimità internazionale che non aveva mai avuto perché era sempre stato considerato un mattoide.

 

È possibile che Trump desideri la stessa cosa con l’Iran. Durante la campagna elettorale definì l’accordo firmato dal predecessore Obama con l’Iran per congelare il programma atomico “il peggiore accordo di sempre”, e queste parole sono famose, ma si tende a dimenticare quello che disse dopo: “Io ne farò uno migliore”. Se dopo essere stato il primo presidente americano a varcare il confine sul trentottesimo parallelo in Corea Trump diventasse anche il primo presidente a essere invitato in Iran dopo la rivoluzione del 1979, sarebbe un evento storico. È probabile che l’eccitazione che abbiamo visto quando è successo in Corea del nord in confronto all’Iran sarebbe poca cosa, come una prova generale dello spettacolo vero.

 

Per ora tutto questo resta sullo sfondo, ma ci sono segnali molto chiari. Quando a giugno Trump ha annullato all’ultimo momento un raid aereo contro obiettivi militari in Iran, ha fatto arrivare agli iraniani la richiesta di negoziati. L’Amministrazione americana per due anni ha applicato all’Iran la linea della “massima pressione possibile”, quindi sanzioni molto dure e annullamento dell’accordo del 2015, ma ora ha fatto sapere che non impone condizioni per i negoziati: basta che avvengano. E negli ultimi giorni dall’Iran sono arrivate dichiarazioni di disponibilità dalle due correnti interne al regime, quella del presidente pragmatico Hassan Rohani e quella del falco populista Mahmoud Ahmadinejad. Quest’ultimo, che non ha più incarichi di governo ma ha molto seguito, ha detto al New York Times che “Trump è un uomo d’affari, sa come calcolare costi e benefici a lungo termine”. In Iran si comincia a pensare che, in cambio di una bella foto con Trump, ci si potrebbe liberare di molte sanzioni. Ieri il segretario di stato americano, Mike Pompeo, ha detto al governo britannico “dovete prendervi cura voi delle vostre navi” – si riferiva alla petroliera catturata – e così ha escluso qualsiasi iniziativa americana di aiuto.

Daniele Raineri

Daniele Raineri

Di Genova. Nella redazione del Foglio mi occupo soprattutto delle notizie dall'estero. Sono stato corrispondente dal Cairo e da New York. Ho lavorato in Iraq, Siria e altri paesi. Ho studiato arabo in Yemen. Sono stato giornalista embedded con i soldati americani, con l'esercito iracheno, con i paracadutisti italiani e con i ribelli siriani durante la rivoluzione.

Segui la pagina Facebook

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ivo lami

    23 Luglio 2019 - 19:08

    sarebbe l'ennesimo fantastico colpo ai detrattori del pannocchia che così si dimostrerebbe infinitamente più capace del suo tentennante e falso predecessore

    Report

    Rispondi

  • branzanti

    23 Luglio 2019 - 13:32

    Le similitudini tra Usa ed Iran sono talmente tante che non vedo perché non possano accordarsi. A rimetterci saremmo noi ricordiamolo.

    Report

    Rispondi

Servizi