cerca

Theresa May si dimette il 7 giugno

Dal 10 giugno inizierà la contesa interna ai Tory per nominare un nuovo leader. La premier dovrà intanto gestire l’esito elettorale delle europee (che non promette bene) e l’arrivo di Trump

Paola Peduzzi

Email:

peduzzi@ilfoglio.it

24 Maggio 2019 alle 11:35

Theresa May si dimette il 7 giugno

Theresa May ha annunciato che si dimetterà il 7 giugno, e il 10 giugno inizierà la gara tra i conservatori per nominare un nuovo leader, che prenderà il posto della May. Il processo durerà sei settimane.

 

La May in questi giorni dovrà gestire l'esito elettorale delle europee – i sondaggi sono catastrofici per i Tory, sotto al 10 per cento – e l'arrivo di Donald Trump nel Regno Unito. Il presidente americano, nei giorni scorsi, ha detto di non conoscere bene i dettagli del suo incontro con la May, a lei interessa soltanto la regina.

  

  
 
I Tory hanno voluto accelerare la fuoriuscita della May dopo che, all'inizio della settimana, lei aveva presentato un nuovo piano per la legge sulla Brexit, e aveva chiesto di votarlo ai Comuni, l'estremo tentativo di consegnare agli inglesi quello che avevano richiesto nel 2016. Il piano ha scatenato le ire di tutti, anti e pro Brexit, e il Partito conservatore, che è convinto che con un cambio di leadership possa superare le difficoltà (illusione), ha preteso dalla May una data precisa per le sue dimissioni.
Ora inizia la contesa interna ai Tory: il favorito è Boris Johnson, ex ministro degli Esteri, che da anni è dato come leader predestinato dei conservatori. Nel 2016 lo fermò un rovesciamento interno, quest'anno si vedrà.

 
Il Labour, che è contrario a un passaggio di potere intraTory, chiede nuove elezioni.

 

Per approfondire leggi anche:

 

La Brexit ad Halloween

L'Ue concede una proroga fino al 31 ottobre, un compromesso tra le posizioni di Francia e Germania. La premier britannica tira un sospiro di sollievo

  

La Brexit è una corsa sul posto

Si vota finché c’è tempo, finché c’è speranza, senza sapere più cosa augurarsi. Se solo potessimo esportare (anche con un'invasione) un po’ di buon senso

La Brexit e l’età dell’incertezza

Mentre i politici inglesi fanno calcoli furibondi sul divorzio dall'Unione europea, “the people” spinge consumi e occupazione

 

Io ballo da sola

La May affossa gli avvoltoi del suo partito a passo di danza. Ora si torna a parlare seriamente di Brexit

 

Un piano per la Brexit più bella

“Conservatori e laburisti insieme per un’uscita soft. Così si batte la marmaglia populista”, ci dice Ken Clarke

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    24 Maggio 2019 - 13:18

    La May paga l'errore di Cameron di fare il referendum. Poi cadono le braccia nel leggere le previsioni di voto per le Europee con Farage favorito come partito di maggioranza relativa. Cosa vogliono i britannici davvero non si capisce, con i due partiti tradizionali in caduta libera..

    Report

    Rispondi

Servizi