cerca

Il patriottismo russo censura anche i libri di matematica

Il governo seleziona i manuali scolastici per coltivare l'amor di patria 

24 Febbraio 2019 alle 06:00

Il patriottismo russo censura anche i libri di matematica

(Foto Pixabay)

Roma. Costruire un patriota non è semplice. È un’operazione artigianale, si procede assemblando i tasselli della memoria e le pietre della conoscenza. Momento per momento, istante dopo istante. Il patriota va cresciuto da quando è piccolo, a scuola e con i libri di testo, quelli giusti, che raccontano la versione “corretta” della storia. La Russia è impegnata ormai da alcuni anni nella costruzione dei suoi piccoli patrioti e la cura e l’attenzione che sta riservando ai libri di testo sta diventando quasi uno schiaffo alla storia.

 

Alcuni libri sono stati proibiti perché raccontavano delle file per il pane durante l’Unione sovietica, “non genera orgoglio” nei ragazzi, ha detto il ministero dell’Istruzione. All’interno delle aule scolastiche si impara quindi una metastoria, una storia astorica, mai esistita, ideale. Non quella che c’è stata, non il passato così come è stato vissuto dai nonni, dai bisnonni dei ragazzi. Ma il passato immaginato, voluto, chissà, forse sognato. La guerra è soltanto un trionfo, i morti sono morti tutti da eroi. Gli argomenti di discussione che vengono riscritti sono molti e riguardano soprattutto la Seconda guerra mondiale, i crimini, i gulag, Stalin, trasformato in un personaggio di gomma, di lui ognuno sa quello che vuole e la memoria nazionale è stata purificata a tal punto che i più giovani ignorano dell’esistenza di campi di detenzione sul territorio russo.

 

Ma anche l’antica Russia viene ripulita dai riti ormai ritenuti barbarici, poco dignitosi, non occorre far sapere che le bambine si sposavano a 12 anni, chi studia, che più o meno ha 12 anni, potrebbe avere dei pensieri non consoni alla sua età secondo il ministero. Basta tenere tutto nascosto e la scuola, con i suoi libri di testo è una fortezza. “È iniziato tutto nel 2000 e poi è diventato sempre più chiaro che lo stato avrebbe costretto gli insegnanti a esporre la storia in modo da sostenere l’attuale regime”, ha detto in un’intervista di qualche settimana fa Boris Grozovski, economista, al Kommersant.

 

Come spesso accade con gli eccessi, la mania di proibire presenta anche dei risvolti comici, sotto la censura sono finiti pure i manuali di matematica, non perché siano stati i numeri a rivendicare una visione del mondo diversa da quella ammessa dal Cremlino, ma per i personaggi. A corredo di operazioni, segno di maggiore e minore, algebra, geometria, alcune case editrici avevano posto dei personaggi fantastici, come Winnie the Pooh o il gatto con gli stivali, colpevoli di non essere personaggi tipici della tradizione russa. Via gli elfi, via gli gnomi, via i fratelli Grimm, via anche Pinocchio, che nella sua legnosità non è certo un prodotto della tradizione russa. Via Lindgren, Raspe, i tre porcellini, via tutto ciò che potrebbe essere da ostacolo all’amor di patria.

 

Proteste ce ne sono state, genitori e insegnanti hanno presentato petizioni e raccolta firme, ma il ministero ha le sue regole, segue il suo canone, russissimo, patriottissimo, e un libro della casa editrice Drofa è stato messo al bando per aver chiamato Euromaidan, la rivolta ucraina del 2013, “rivoluzione”, quando il nome corretto sarebbe “colpo di stato”. Le case editrici non vengono messe al bando, hanno sempre la possibilità di riscrivere e correggere, ma riscrivere costa e spesso le pubblicazioni vengono abbandonate. Il mercato dei manuali è ormai dominato da una sola casa editrice, la Prosvechtchenie la quale, spiega Boris Grozovski, apparteneva ad Arkadi Rotenberg, un oligarca amico di Vladimir Putin. Poi venduta a una società offshore sconosciuta quando il miliardario è finito sotto sanzioni europee e americane.

Micol Flammini

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Gianpiero

    25 Febbraio 2019 - 07:07

    Non a caso Salvini ha detto di sentirsi meglio in Russia che in molti paesi europei (quelli di solida democrazia liberale). Pensare di tonare ad un centrodestra a trazione sovranista, significa essere complici. “Berlusconi porterà per sempre la responsabilità della rottura del patto sulle riforme costituzionali e il rifiuto di votare a favore di Mattarella. Questo tragico errore, insieme all’alleanza con Salvini, ha prodotto la nascita di una nuova destra in Italia. In questo modo il fondatore di Mediaset ha dato l’ultima picconata all’esistenza di una destra liberale anche in Italia. Il bilancio della Sua opera politica, nonostante tutto, sarebbe potuto essere positivo invece sarà fallimentare sotto ogni punto di vista. Sandro Bondi”

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    25 Febbraio 2019 - 07:07

    Per quello che può valere fare la critica all'orso russo, direi che anche la nuova generazione russa avrà imparato dalle favole, che leggevano i loro progenitori , che le bugie hanno le gambe corte. Il nuovo corso sta mettendo al bando alcuni testi classici e non che descrivono cosa è stata la Russia nel passato, ma dovrebbero nel contempo censurare anche internet. Invece la Russia ,se veramente si sente un paese moderno, dovrebbe fare un'operazione verità , perché quel contesto mondiale in cui ha vissuto nel passato, e che potrebbe anche giustificare i tanti perché delle nefandezze perpetrate dai russi non esiste più. La nuova generazione russa dovrebbe essere proiettata in un contesto più liberale e democratico ove c'è posto per tutti se non ci facciamo correre dietro dai fantasmi del passato.

    Report

    Rispondi

Servizi