cerca

In un mondo senza trattati

Trump è coraggioso a rompere il patto nucleare con Putin, ma non risolve nulla

2 Febbraio 2019 alle 06:12

In un mondo senza trattati

Donald Trump e Vladimir Putin (Foto LaPresse)

"Non possiamo più essere vincolati a un trattato che la Russia vìola in maniera spudorata", ha detto il segretario di stato americano Mike Pompeo. Ieri è finita un’epoca, l’epoca dei trattati, l’epoca delle promesse e delle buone intenzioni tra Stati Uniti e Russia. Washington è uscito dall’Inf, il trattato sul disarmo e sul controllo delle armi nucleari siglato nel 1987 dall’allora presidente americano Ronald Reagan e dall’ultimo capo dell’Unione sovietica Mikhail Gorbaciov. Trump ha ragione nel dire che Mosca non rispetta il trattato da anni, ne erano consapevoli anche le Amministrazioni precedenti, ma il presidente americano attuale ha una motivazione in più per liberarsi di un accordo che lui stesso ha definito “obsoleto”: è stato un modo per dimostrare che la Casa Bianca non è vincolata ai russi, ai loro capricci, alle loro intimidazioni e minacce così come certe indagini, secondo il presidente, vogliono far credere. Ebbene sì, l’Inf era obsoleto, era una accordo ormai superato e dal 1987 a oggi il mondo è cambiato.

 

Quando è stato firmato l’Inf la Cina non era una potenza e mentre Mosca e Washington, più Washington che Mosca, limitavano le capacità dei propri arsenali, Pechino si dotava di un sistema missilistico sofisticato. Ma annullare un trattato, che seppur difettoso, per molti anni ha messo un freno alle ambizioni nucleari non è una soluzione. Il Cremlino è già pronto ad accusare gli Stati Uniti, la macchina della propaganda si è attivata e parla di missili americani già predisposti a essere puntati contro Mosca. La Russia nel frattempo si sentirà ancora più libera di fare ciò che ormai fa da anni, lavorare su un sistema missilistico segreto, il 9M729. Anche per la Cina la fine di questo trattato non comporterà nessuna minaccia o limitazione, continuerà a spendere e a investire in armamenti. Gli Stati Uniti ora saranno pur liberi di competere e di adeguare il loro arsenale, ma non hanno risolto nulla, anzi hanno riufficializzato la corsa agli armamenti. Al centro di questo mondo senza trattati rimane l’Europa. Sola tra i missili, alla ricerca di alleati.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi