cerca

Come si prepara il menu della pace coreana?

Alla Casa della pace preparativi come ai matrimoni. Il tavolo è ovale e c’è un mango antigiapponese

Giulia Pompili

Email:

pompili@ilfoglio.it

26 Aprile 2018 alle 08:16

Come si prepara il menu della pace coreana?

Come si prepara un menu della pace? Il cibo in Asia è sempre un gran casino, perché ogni pietanza è carica di significati simbolici. Per esempio, alla prima visita alla Casa Bianca del presidente sudcoreano Moon Jae-in, lo scorso anno, il cerimoniale fece servire alla cena di stato con l’omologo americano Donald Trump il bibimbap, un piatto sudcoreano popolarissimo e spesso usato nella diplomazia da tavola. Quando Trump ricambiò la visita in Corea del sud, Moon gli fece servire il famoso gamberetto delle Dokdo: quelle stesse isole che il Giappone chiama Takeshima e che secondo Tokyo sono impropriamente sotto il controllo militare sudcoreano. Ora immaginate di dovervi sedere a tavola con l’uomo che fino allo scorso anno ha minacciato di nuclearizzare il Pacifico: che cosa gli servite? Visto che il nemico del tuo nemico è comunque tuo amico, Seul non ha perso occasione per far agitare i giapponesi: insieme con il rosti, le patate alla maniera svizzera, il paese dove Kim Jong-un ha studiato da giovane (effetto madeleine) e il pesce di Busan, città che ha dato i natali a Moon Jae-in, sul dessert – una mousse di mango – ci sarà l’immagine di una Corea unita disegnata in blu, dove si vedono chiaramente anche le isole Dokdo.

 

Oltre al menu, ieri funzionari sudcoreani e nordcoreani si sono visti a Panmunjeom, di nuovo, per fare le prove generali del summit tra Moon e Kim Jong-un di domani – come se fosse un matrimonio. Il direttore della comunicazione di Seul, Kwun Hyuk-ki, ha detto che le parti ora sanno minuto per minuto cosa succederà venerdì mattina, e che “grandissima attenzione è stata data alla posizione delle telecamere e alle luci”, “per far sì che il mondo possa godere di questo primo storico meeting”. Secondo le indiscrezioni, i due leader si stringeranno la mano proprio sulla linea gialla che divide la Corea del sud e la Corea del nord. Poi Moon Jae-in si volterà, affiancherà Kim Jong-un, uno accanto all’altro attraverseranno la Casa della libertà, in territorio sudcoreano, e poi entreranno nella Casa della pace, il cui ingresso si trova a centotrenta metri dalla linea di confine. Ieri sono state diffuse le immagini della sala del summit, addobbata per l’occasione: il tavolo, con quattordici sedie, sette per lato, è ovale e non rettangolare, per “rappresentare la distanza che si accorcia” tra le parti. La moquette blu (come l’immagine della Corea unita) e un quadro del monte Geumgangsan dell’artista sudcoreano Shin Jang-sik (una montagna in territorio nordcoreano che si vede anche dal Sud)  completano lo sfondo. Venerdì, alle 3 del mattino per noi, su quel confine ci sarà la stretta di mano più fotografata della storia dell’Asia orientale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi