cerca

Dall'Olanda una lezione per i "guardiani" della democrazia italiana

Dopo 208 giorni i partiti hanno trovato l'accordo per il governo. Nessuno si scandalizza. Da noi si sarebbero sollevate le onde dell’indignazione a comando

10 Ottobre 2017 alle 19:00

Dall'Olanda una lezione per i "guardiani" della democrazia italiana

Il premier olandese Mark Rutte (foto LaPresse)

I colloqui tra i partiti politici olandesi sono durati sette mesi, per la precisione 208 giorni, per arrivare a un accordo che conferma come premier Mark Rutte, che questa volta governerà con una coalizione di centrodestra, mandando all’opposizione i socialisti crollati dal 20 al 5 per cento. Dopo altri colloqui si arriverà, si spera, alla conferma parlamentare nell’ultima settimana del mese. Nessuno si scandalizza, né della lunga gestazione né del fatto che l’accordo sia frutto dei contatti tra partiti e non l’esito diretto di un voto popolare.

 

D’altra parte in Belgio c’era voluto più di un anno per arrivare a eleggere il governo dopo le elezioni, e in Spagna Mariano Rajoy ha governato in prorogatio per sei mesi e poi, dopo un nuovo turno elettorale ha formato un governo di minoranza. È abbastanza naturale che in sistemi politici in cui non si è determinato un bipolarismo quasi onnicomprensivo, come quello che in Italia c’è stato solo nella fase del confronto tra Silvio Berlusconi e Romano Prodi, si debbano costruire faticosamente coalizioni plurali. Se, com’è probabile, data la frammentazione tendenzialmente tripolare delle formazioni politiche che nessuna legge elettorale può cancellare, anche in Italia sarà necessario tempo e fantasia per costruire una compagine di governo in grado di ottenere una maggioranza, sappiamo già che si leveranno le onde dell’indignazione a comando, per deprecare le lentezze e le complicazioni di questo percorso. Forse con un po’ meno di provincialismo si capirebbe che le dinamiche della democrazia parlamentare possono richiedere procedure complesse, senza che questo fatto oggettivo sia scambiato per una patologia terminale. Ma c’è poco da sperarci.     

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • GianniR

    11 Ottobre 2017 - 13:01

    Ove si dimostra che il vero vincitore delle elezioni olandesi e' stato proprio Wilders.

    Report

    Rispondi

  • mario.patrizio

    11 Ottobre 2017 - 08:08

    Cosa si vuol sostenere, che non avere un governo è meglio che averlo? In effetti manca quest'esperienza, la totale rimozione dei freni per liberare l'estro degli irresponsabili.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    10 Ottobre 2017 - 19:07

    Non so cosa abbiamo scritto i giornali olandesi, ma sono sicuro che se fosse stato in Italia i quotidiani e la tv ogni giorno reclamavano il governo, con"pianti" e grida. Non certo il popolo italico, visto che, magari senza governo, chi effettua l'ordinaria amministrazione governa meglio.

    Report

    Rispondi

Servizi