cerca

La Knesset dà il via libera alla legalizzazione degli insediamenti

La Casa Bianca non prende posizione per ora ma la Turchia insorge

7 Febbraio 2017 alle 15:41

netanyahu

Benjamin Netanyahu (foto LaPresse)

Lunedì la Knesset ha approvato una legge che legalizza retroattivamente circa 4 mila case di coloni israeliani in Cisgiordania. Il Parlamento ha varato la misura con 60 voti favorevoli e 52 contrari, ricevendo il sostegno della coalizione del governo di Benjamin Netanyahu. Gli insediamenti interessati si trovano nella zona C della Cisgiordania, che si trova sotto il controllo esclusivo di Israele, ma sorgono su terreni di proprietà di cittadini palestinesi. Lo scopo della legge è evitare complesse battaglie legali tra i coloni e i proprietari dei terreni, che saranno tutti rimborsati da Gerusalemme.

 

I grandi ebrei illegali

Una settimana con i coloni d’Israele, i fantastici “illegali” che oggi il mondo vuole cancellare. Sono l’ostacolo alla guerra, non alla pace. Un super reportage. La Knesset dà il via libera alla legalizzazione degli insediamenti 

 

Il voto di ieri è stato applaudito dal movimento dei coloni, che da anni si batte per vedere le proprie posizioni riconosciute dalla legge. La Casa Bianca ha fatto sapere che "non intende esprimere opinioni fino a che non sarà espresso un giudizio di costituzionalità a riguardo". Negativa invece è stata la reazione della Turchia, che ha espresso preoccupazioni sulla legge che potrebbe imporre ostacoli al negoziato per la pace.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi