cerca

Senti come parla l’ayatollah

I confini dell’Iran oggi? Il mare Mediterraneo e il sud dello Yemen

12 Giugno 2015 alle 06:01

Senti come parla l’ayatollah

Una donna con l'immagine di Khamenei (foto LaPresse)

Il bello, si fa per dire, delle rivoluzioni islamiste è che si muovono secondo piani annunciati con enfasi e anni di anticipo. Basterebbe, semplicemente, ascoltare quando dichiarano cosa vogliono fare, dove e come vogliono farlo. Ieri l’ayatollah iraniano Saeedi, appartenente al corpo militare delle Guardie della Rivoluzione, l’ha messa giù ancora una volta in modo semplice: sotto Khomeini il nostro confine era quello con l’Iraq, sotto Khamenei (la Guida suprema di oggi) i nostri confini sono il mare Mediterraneo (leggi: la costa della Siria) e Bab al Mandab, che è il tratto di mare tra lo Yemen e l’Africa. Insomma: ci siamo espansi a ovest fino al mare, e a sud fino all’estremo della penisola arabica. L’Ayatollah si riferisce evidentemente all’influenza che l’Iran esercita sul presidente siriano Bashar el Assad in Siria e al potere che esercita sui ribelli Houthi, che in pochi mesi hanno conquistato quasi tutto lo Yemen.

 

Folklore, si dirà, una dichiarazione stentorea che arriva da figure abituate a esaltare il potere di Teheran. Ma le parole dell’ayatollah suonano assai reali agli altri stati nella regione, come Israele – che bombarda Assad a intervalli regolari – e l’Arabia Saudita – che sta bombardando lo Yemen. Sono il tipo di parole che creano le tensioni da cui scaturiscono guerre infinite. Sono i canti di vittoria che fanno agitare i sunniti e li spingono nelle braccia dei gruppi estremisti – è sbagliatissimo, ma accade. Parlano, insomma, parlano chiaro e basterebbe ascoltarli. L’hanno detto anche di Israele, che però rimane il punto del programma iraniano più difficile da realizzare. La ragione? Gli israeliani, a differenza nostra, li ascoltano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi