cerca

C’è una buona idea per non chiudere bottega (e botteghe)

Tre bocconiani da urlo hanno creato dei buoni digitali per salvare le piccole attività. Meraviglia da studiare

9 Aprile 2020 alle 06:19

C’è una buona idea per non chiudere bottega (e botteghe)

foto LaPresse

Ognuno può dare il suo contributo alla riapertura, espressione minimalista che starebbe per ricostruzione. Jack Dorsey, di Twitter, ha dato un esempio di braccio lungo davanti a alcuni casi di braccino corto: ha stanziato un miliardo di dollari per la ricerca epidemiologica a lungo termine. Ma non tutti siamo in grado di imitarlo. Però un gruppo di ragazzi distribuiti tra Pavia, Imperia e Barcellona, tutti italiani e esperti in business digitale, hanno avuto un’idea, si direbbe, molto notevole. Presupposto: manca...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Jean Santilli

    Jean Santilli

    09 Aprile 2020 - 16:36

    La morte delle ideologie? Ne rimangono almeno due, più pericolose del virus. Quelli che “mors tua vita mea” in Europa del Nord, e gli esperti sanitari di tutto il mondo che “sono tutti buoni a fare i froci col culo degli altri”, operai o padroni che siano. Se non è chiaro, leggete «Covid-19. Il paziente numero 1 (Paraponzi ponzi pon?)» su un sito accademico di San Francisco.

    Report

    Rispondi

  • Andrew

    Andrew

    09 Aprile 2020 - 11:55

    Di poco si vive di niente si muore, c’è il segmento produttivo che ha esaurito la benzina, dai commercianti, alle aziende grandi e piccole, agli artigiani, alle Partite Iva, alla miriade di prestatori occasionali, saltuari, per non dire del sommerso che comunque esiste. Serve un percorso immediato per la ripartenza, serve valutare il rischio della morsa tra due scelte quella sanitaria e quella economica, altrimenti l’operazione è fatta bene ma il paziente muore, parliamoci chiaro il rischio zero non esiste per definizione apposta si fa programmazione. Serve coraggio adesso subito e se l’indecisione iniziale c’è costata assai, quella di adesso sarebbe esiziale, ne va di mezzo la salvezza nazionale,ma quella vera e non quella di settembre.

    Report

    Rispondi

Servizi