cerca

Le mascherine e gli sciacalli dell’anti capitalismo

Niente moralismo. La regola del mercato non è l’“avidità”, ma la ricerca razionale del profitto

25 Febbraio 2020 alle 06:00

Le mascherine e gli sciacalli dell’anti capitalismo

Foto LaPresse

Roma. L’arrivo del coronavirus in alcune regioni dell’Italia settentrionale, insieme alle relative misure di emergenza, ha alimentato la preoccupazione di una diffusione dell’epidemia, che a tratti è divenuto panico. Si sono viste scene da guerra, con assalti ai supermercati e accaparramento di beni più o meno essenziali fino allo svuotamento degli scaffali anche in aree non a rischio. L’acquisto massiccio si è poi rivolto verso prodotti ritenuti indispensabili per prevenire il contagio, ma non si sa quanto realmente utili. L’isteria...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Luciano Capone

Luciano Capone

Sono cresciuto in Irpinia, a Savignano. Sono al Foglio da 12-13 anni, anche se il Foglio non l’ha mai saputo, da quando è diventato la mia piacevole lettura quotidiana. Dal 2014 sono sul Foglio e stavolta lo sa anche il Foglio. Liberista sfrenato, a volte persino selvaggio.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • zerbettoandrea.10

    25 Febbraio 2020 - 15:11

    dare un aurea apollinea all' avidità offende chi alla razionalità attribuiva l'elevazione oltre la materialità e non la giustificazione della stessa. quindi avidità razionale è un ossimoro, ma tanto basta che ci si creda. per inciso, Weber diceva anche che il capitalismo è figlio della fede. Razionalità, nah. Avidità, sì, istituzionalizzata.

    Report

    Rispondi

  • Chichibio

    25 Febbraio 2020 - 12:05

    Bucarest, primi anni '70. Vedevo le code davanti ai negozi di PINE (panetterie). Più oltre altro negozio PINE, ma senza coda. Perché senza pane, così mi disse il mio accompagnatore.

    Report

    Rispondi

    • Chichibio

      25 Febbraio 2020 - 14:03

      Esoso capitalismo? Come i bagarini allo stadio, la sciocca corsa alle mascherine. Basterebbe riflettere che la dimensione del virus, visibile solo al microscopio elettronico, è infinitamente minore del reticolo filtrante. La corsa all'inutile.

      Report

      Rispondi

      • Minerva

        25 Febbraio 2020 - 21:20

        Magari servono per evitare di inalare le microgoccioline di saliva che fanno da taxi? Provare per credere....

        Report

        Rispondi

  • AlessandroT

    25 Febbraio 2020 - 08:31

    Caro Capone, di lei e dei suoi articoli ho sinceramente grande stima, ma in questo caso mi pare che il suo pezzo sia un po' fuorviante. Non credo sia necessario essere comunisti per criticare questi aumenti esponenzali nei prezzi. Le ricordo che lasciato a sé stesso il capitalismo puó anche portare, per esempio, al monopolio. Non credo che lei sia un grande fan dei monopoli, ma anche quelli sono frutto della ricerca del profitto, o no? Lei ha certamente ragione sul fatto che se la domanda non fosse aumentata cosí tanto (per motivi ancora in larga parta irrazionali) i prezzi non sarebbero saliti altrettanto. Concordo anche con lei sul fatto che al momento nessuno è ancora riuscito a trovare un sistema fattibile (e non solo teorico) migliore del capitalismo, però le ricordo che il ruolo dello stato è spesso importante per risolvere fallimenti del mercato. Io credo che una pandemia non sia una situazione da lasciare completamente nelle mani di interessi privati.

    Report

    Rispondi

  • Carlo A. Rossi

    25 Febbraio 2020 - 08:01

    Carissimo Luciano, dal punto di vista teorico, mi trovo d'accordo sul fatto che il principio del capitalismo sia la ricerca razionale del profitto. Ma l'esperienza, purtroppo, e la storia, anzi, la Storia, che qui sul Foglio giustamente si vuole magistra vitae, insegnano spesso è l'avidità il motore principale non solo del capitalismo, ma in fondo del progresso umano. E con questo non intendo fare una critica del progresso, ma vederlo sotto una luce meno ottimistica. Forse il tutto andrebbe messo nella giusta prospettiva, ed evitare ottimismi e pessimismi fuori luogo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi