cerca

Se la recessione arriva a Berlino toccherà rimediare alla Bce

Calo del pil tedesco nel secondo trimestre e prospettive fosche per l’Eurozona. Senza stimoli fiscali suppliranno quelli monetari

15 Agosto 2019 alle 06:05

Se la recessione arriva a Berlino toccherà rimediare alla Bce

Angela Merkel riceve il presidente della Lituania Gitanas Nauseda (foto LaPresse)

Roma. Il calo del pil tedesco nel secondo trimestre e il forte calo della produzione industriale della zona euro a giugno sono ulteriori prove della gravità del rallentamento dell’economia europea. Uno scenario globale in peggioramento e cupi sondaggi aziendali suggeriscono che la situazione non migliorerà entro la fine dell’anno.   La contrazione dello 0,1 per cento del pil tedesco nel secondo trimestre ha seguito la contrazione della produzione industriale del 5,2 per cento circa a giugno rispetto allo stesso mese...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Alberto Brambilla

Alberto Brambilla

Nato a Milano il 27 settembre 1985, ha iniziato a scrivere vent'anni dopo durante gli studi di Scienze politiche. Smettere è impensabile. Una parentesi di libri, arte e politica locale con i primi post online. Poi, la passione per l'economia e gli intrecci - non sempre scontati - con la società, al limite della "freak economy". Prima di diventare praticante al Foglio nell'autunno 2012, dopo una collaborazione durata due anni, ha lavorato con Class Cnbc, Il Riformista, l'Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI) e il settimanale d'inchiesta L'Espresso. Ha vinto il premio giornalistico State Street Institutional Press Awards 2013 come giornalista dell'anno nella categoria "giovani talenti" con un'inchiesta sul Monte dei Paschi di Siena.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Ferny55

    16 Agosto 2019 - 12:12

    I tedeschi sono anni che hanno un accesso illimitato ai mercati esteri generando enormi surplus commerciali. E' ora che Berlino inizi a stimolare la sua domanda interna,i consumi privati e gli investimenti pubblici. Dopo anni di parole, ci voleva l'Orange bad man, per porre fine a questa distorsione che ha creato enormi problemi al resto d'Europa.

    Report

    Rispondi

Servizi