cerca

Di Maio dà il pacco ai fattorini

Se i rider hanno più diritti non dipende dallo scarso impegno grillino

6 Agosto 2019 alle 06:26

Di Maio dà il pacco ai fattorini

foto LaPresse

Con un anno di ritardo Luigi Di Maio potrebbe mantenere la promessa di licenziare una norma che stabilisce le regole per i contratti dei fattorini che consegnano cibo a domicilio, i rider. I compromessi che il ministro ha dovuto accettare, tuttavia, sono così tanti che delle promesse iniziali rimane poco. Di Maio ha accettato di condividere con gli alleati di governo la paternità del provvedimento, cedendo alla Lega quello che è stato il primo impegno che ha assunto da ministro del Lavoro. La norma, che arriverà in Consiglio dei ministri mercoledì per essere approvata prima della pausa estiva, porta le firme di Massimiliano Romeo e Stefano Patuanelli, rispettivamente capigruppo al Senato di Lega e M5s. Di Maio ha ridimensionato molte pretese nella contrattazione con la Lega.

 

Così, ora che l’accordo nella maggioranza garantisce l’approvazione del decreto, i rider non sono affatto soddisfatti e se la prendono con Di Maio per aver giocato al ribasso con un provvedimento “inconcludente” e “inadeguato”. Dal testo spariscono l’obbligo per le piattaforme di consegne di assumere i fattorini con contratti da lavoro dipendente e l’abolizione del cottimo, che resta invece valido a patto che non abbia “un peso prevalente” nella determinazione del compenso. Perciò viene introdotto il principio di paga oraria, che i datori di lavoro devono riconoscere solo nei casi in cui, per ogni ora, i fattorini accettino almeno una chiamata. Il decreto non stabilisce un minimo da corrispondere e rimanda tutto al contratto collettivo di settore, quello della logistica, che già da due anni ha introdotto la figura del rider e delineato diritti e doveri di questi lavoratori impiegati nella gig economy. Il decreto stabilisce invece che saranno obbligatorie la copertura dell’Inail, l’assicurazione sanitaria e il rimborso delle spese, aspetti su cui le parti sociali, in diversi casi, hanno già trovato un accordo.

 

La contrattazione sindacale – a differenza del risultato promosso di Di Maio – in quest’ultimo anno ha infatti prodotto importati risultati. Negli ultimi tre mesi a Firenze sono state due le aziende che hanno accettato di assumere come lavoratori subordinati i propri fattorini, siglando un accordo con le organizzazioni sindacali di categoria. D’altra parte, è dal primo incontro con il ministro del Lavoro che i sindacati indicano la contrattazione come metodo e chiedono supporto perché sia riconosciuto e attuato il contratto collettivo. Di Maio ha tentato invece di percorrere un'altra strada, ma non riuscendoci ha accettato compromessi e deluso tutti. Se quella dei rider doveva essere la battaglia simbolo del M5s per dimostrare di avere a cuore la cosiddetta “generazione abbandonata” si è rivelata solo il simbolo della inutilità del M5s.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi