cerca

Perché suoni la campanella?

Conte festeggia a Piazza Affari, ma il suo governo sta frustando la Borsa

31 Gennaio 2019 alle 06:00

Perché suoni la campanella?

Il premier Conte a Milano: visita alla Borsa (foto LaPresse)

Il premier Giuseppe Conte ha aperto la sua giornata a Milano con una visita a Piazza Affari dove ha suonato la campanella – rituale che, a differenza di Wall Street dove inaugura tutti i giorni gli scambi, in Italia è riservato alle occasioni speciali o per dare il benvenuto in Borsa alle nuove società. Una visita che solo in parte ricalca quella dei suoi predecessori Matteo Renzi e Mario Monti, perché nessuno dei due aveva suonato la campanella e apposto la firma sul grande libro dei ceo delle aziende quotate.

 

Del resto, ci voleva un gesto rappresentativo, per non dire scenografico – all’evento non erano ammessi giornalisti, ma solo cameraman e fotografi – per sancire una svolta nei rapporti tra il governo gialloverde e il mondo finanziario. Sono recenti i tempi in cui i componenti dell’esecutivo lanciavano le loro invettive contro i mercati, indicandoli come i luoghi in cui hanno sede i “poteri forti” e dove “i signori dello spread” orchestrano complotti contro l’Italia. Ed è stato proprio il suono di queste parole, insieme con quello delle esternazioni incontrollate sui conti pubblici, a fare da sottofondo al rialzo dello spread nel periodo di massimo scontro tra Palazzo Chigi e Unione europea sulla legge di Bilancio. Le perdite subite dai mercati in quella fase sono state solo in parte recuperate, tra la fine del 2018 e l’inizio di quest’anno.

   

Secondo i calcoli della Fondazione Hume nella sua periodica ricognizione su quanto è diminuita la ricchezza degli italiani dopo il voto del 4 marzo, le perdite virtuali di Borsa, obbligazioni e titoli di stato subite da operatori italiani ammontano a 76,2 miliardi di euro. A questi bisogna aggiungere 37,1 miliardi persi da Banca d’Italia e investitori esteri detentori di titoli di stato italiani. Così la tappa di Conte a Palazzo Mezzanotte non è stata casuale. “La Borsa è un’infrastruttura utile al paese e capace di attrarre capitali”, ha detto il premier dimenticando che l’autorità che vigila sui mercati, la Consob, è senza presidente da quasi cinque mesi e che il governo da lui presieduto ha appena abolito l’Ace, incentivo fiscale introdotto dal governo Monti nel 2011 proprio per rafforzare il capitale sociale delle imprese attraverso la quotazione.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi