cerca

Una buona lezione agli urlatori

Embraco e Ideal Standard. Dibba e Salvini a lezione di crisi industriale

13 Febbraio 2018 alle 06:00

Una buona lezione agli urlatori

Carlo Calenda ospite di "L'aria che tira" (foto LaPresse)

L’Ideal Standard di Roccasecca non farà più sanitari ma sampietrini, ci saranno una nuova proprietà e una nuova produzione, ma l’azienda non chiuderà: al ministero dello Sviluppo economico è stato firmato l’accordo tra azienda, istituzioni e sindacati che formalizza la cessione del ramo d’azienda alla newco Saxa Grestone. L’intesa raggiunta prevede nuovi investimenti e la tutela dei vecchi livelli occupazionali: che vuol dire 30 milioni di euro in più, tanti sono i nuovi capitali, e 300 disoccupati in meno, tanti sono i posti di lavoro salvati. La vertenza si chiude al termine di una lunga e difficile trattativa, che il ministro Carlo Calenda ha definito “una bella storia” e “un esempio di transazione”.

 

Archiviata positivamente la vicenda Ideal Standard, Calenda ora è concentrato sul futuro di Embraco, un’altra importante crisi aziendale in cui ci sono a rischio circa 500 posti di lavoro. “C’è speranza ma non faccio mai pronostici – ha detto il ministro – e, soprattutto, non li porto in campagna elettorali come invece fanno Salvini e Di Battista”. Indipendentemente dall’esito, positivo per Ideal Standard e si spera altrettanto per Embraco, queste due crisi aziendali sono un po’ il simbolo in questa campagna elettorale e di come la politica può affrontare i problemi: urlando per racimolare qualche voto, oppure lavorando per risolverli.

 

Nei giorni scorsi queste aziende sono state il teatro della passerella elettorale dei partiti della protesta: Matteo Salvini ha sfilato davanti ai cancelli della Ideal Standard e Alessandro Di Battista davanti a quelli della Embraco. Calenda, che solitamente è molto moderato, su questa storia nei giorni scorsi non le ha mandate a dire: “Le crisi di Embraco e di Ideal Standard sono molto complesse e ci stiamo lavorando tutti i giorni. Di Battista e a Salvini due ragazzi, che non hanno mai avuto un’esperienza lavorativa prima della politica e che si confrontano con vicende complesse. E pensano che la politica sia andare davanti a un cancello o farsi i selfie con gli operai”. Secondo i sondaggi, per quel che valgono, gli operai sono inclini a votare 5 stelle o Lega, un po’ come la “Rust belt” preferiva Donald Trump. La vertenza Ideal Standard si è chiusa con un lieto fine, lo stesso che si spera accadrà per Embraco, ma le parole di Calenda sarebbero state vere anche con un altro finale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi