Il Mundial di Marchionne

Il manager della Fiat voleva essere il primo nel mercato globale dell’auto. Perché non ci è ancora riuscito

Il Mundial di Marchionne

Sergio Marchionne (foto LaPresse)

Una ne fa e cento ne pensa? No, il vecchio detto popolare nel caso di Sergio Marchionne va rovesciato da capo a piedi perché il capo di Fiat Chrysler una ne pensa e cento ne fa. Il pensiero dominante è aumentare il valore per gli azionisti, cioè la Exor degli eredi Agnelli guidata da John Elkann, se stesso, i fondi di investimento e tutti gli altri che gli agenti di Borsa nel tempo in cui le azioni si compravano alle...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi