cerca

Il ministro dell'Economia dice che “il Mes è attraente” 

Idee e spunti per sapere quello che succede nel mondo selezionati per voi da Giuseppe De Filippi

17 Giugno 2020 alle 17:29

Il ministro dell'Economia dice che “il Mes è attraente” 

L'informativa che scotta, quello sul prossimo Consiglio europeo. E si risveglia tutta l'ostilità all'Europa e alla logica da parte dei nostri sovranisti.

 

 
Il Mes è attraente.

 

  

I leghisti offendono e se ne vanno.

  

 

A Villa Pamphilj no, a Montecitorio neanche.

  

 
La verità alla fine si afferma.

 

  

A proposito di Villa Pamphilj ecco l'atteso giorno di Carlo Bonomi. Molti punti concreti dal presidente di Confindustria, alcuni talmente concreti che avevano con un tono da sportello della camera di commercio o da Caf. Comunque il confronto col governo c'è stato e riporta tutto alla ragionevolezza dopo le uscite sopra le righe con gli attacchi degli industriali al governo e la risposta sull'ansia da prestazione.

  

 
A Roma si assume al comune.

 

   

Rivalutare la riforma che taglia il numero dei parlamentari e fa fuori i micropartiti.

   

    
Il più clamoroso è il caso della Nuova Zelanda, ma sono diverse le segnalazioni di casi di ritorno del virus. Se ne ragionava sul Foglio.

   

   

  

C'è questa ricorrenza di casi nei mattatoi, prima di questo era successo molte volte in Francia. Forse qualche studioso potrebbe rifletterci.

  
  
Ma ci sono anche le buone notizie.

  
   

Perciò i mercati continuano comunque a sentire aria di ripresa. Anche perché forse si è esagerato con le previsioni di crollo del pil e non si è considerato che lo choc mondiale è stato rapido nell'arrivo quanto può essere rapido nello spartire. Tolti i settori che hanno subito un danno secco e non recuperabile, come il turismo, il trasporto aereo, alcuni servizi, il resto del sistema produttivo sta mostrando una piena capacità di ripresa. La crisi del 2009, con lo strascico europeo sui debiti sovrani, ebbe maggiore persistenza. Il passaggio dalla finanza all'economia produttiva fu forte, doloroso e forse anche occasione per realizzare tagli e ristrutturazioni prima rinviati. Questa volta è stato invece un colpo talmente improvviso e perfettamente esogeno rispetto al funzionamento dell'economia, e da queste due condizioni può emergere una più rapida capacità di recupero.

 

 

Ma una calmata mai per Boris Johnson?

 

 

Tra l'altro avrà le indagini sui fatti che riguardano i magistrati degli uffici giudiziari di Roma.

 

 

Si direbbe che Mertens intenda ribadire il suo legame con Napoli. E stasera partitone.

  

 

Uomini e robot.

  

   

Qui abbiamo una passione per il Magazine della frutta. Ecco un buon tema per cena: il progresso nel campo delle angurie. Si celebra la media sarda senza semi (comoda da trasportare e tutta da mangiare), si chiama Eleonora in onore della giudichessa d'Arborea.

  

  

Il grande tennis settembrino.

 

 

Giulio Giorello.

  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi