cerca

Quei bravi ragazzi

I figli del benessere etico. Il gran filosofo Alexander Grau spiega cos’è quel virus dell’ipermoralismo che arriva dalla Germania

15 Luglio 2019 alle 11:02

Quei bravi ragazzi

Una manifestazione di solidarietà a Carola Rackete, comandante della Sea Watch, sabato 6 luglio a Berlino (Foto LaPresse)

“Il cattivo tedesco non indossa più l’elmetto, ma fa la morale al mondo”, ha scritto questa settimana Eric Gujer, il direttore della Neue Zürcher Zeitung, il principale giornale svizzero. “Una giovane donna ignora un divieto governativo e invoca diritti superiori. Da solo non sarebbe molto spettacolare, succede spesso. Gli attivisti vogliono salvare l’ambiente incatenandosi agli alberi nella foresta di Hambach. Gli oppositori nucleari occupano le piste per bloccare il trasporto di rifiuti nucleari. I politici tedeschi di solito criticano questi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giulio Meotti

Giulio Meotti

Lavora al Foglio dal 2003. Si è laureato in Filosofia. Ha scritto per il Wall Street Journal. È autore di quattro libri su Israele, alcuni tradotti in più lingue. È sposato. Ha due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • flaneurotic

    flaneurotic

    15 Luglio 2019 - 17:05

    C'è chi salva vite in mezzo al mare e chi campa sbobinando chiacchierate coi babbioni neoconservatori. Fortunatamente, c'è posto per tutti.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    15 Luglio 2019 - 13:01

    L'Europa poggiandosi per secoli su la forza motrice di Roma antica è stata per decine di secoli il centro del mondo incivilendolo o inquinandolo con le sue propagini coloniali ora ridotta a megera innalza agli allori una poveretta senza arte e nè parte certificando così la propria irrilevanza .L'europa abbaia più spesso guaisce, è sempre più divisa e la Francia con i festeggiamenti del 14 luglio la deride affermando il suo eterno sciovinismo. P.s. La Francia festeggia il 14 luglio la presa della Bastiglia . La Bastiglia era una grande fortezza militare che all'epoca della revolusciòn era cadente e e difesa da 4 dicesi quaìttro vecchi gendarmi che fuggirono lesti all'avvicinarsi dei sanculotti. Una grande vittoria fasulla . Ma i francesi abilissimi nel vendersi e grandi paraculi molto spesso lo mettono in quel posto ai popoli vicini e lontani.Ancora oggi la civilissima Francia è colonialista che nell'auto-scontro con le nazioni europee spesso la spunta per la pusillanimità degli

    Report

    Rispondi

Servizi