Chi tocca l’islam “muore”

Fra processi e sospetti, Georges Bensoussan è diventato un mostro morale. La sua “colpa”? Aver denunciato l’antisemitismo islamico che divampa in Francia

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

12 Luglio 2018 alle 15:59

Chi tocca l’islam “muore”

Lo storico Georges Bensoussan (foto LaPresse)

La vita di Georges Bensoussan cambia il 10 ottobre 2015. Il celebre storico francese, direttore editoriale del Mémorial de la Shoah e fra i massimi studiosi di antisemitismo e medio oriente (i suoi libri sono pubblicati in Italia da Einaudi), è ospite della trasmissione radiofonica Répliques su France 2. Si parla di fallimento dell’integrazione nelle banlieue, le periferie francesi, su cui Bensoussan ha curato il libro Les Territoires perdus de la République: “Non ci sarà alcuna integrazione fino a quando...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi