cerca

Alla Regione Sicilia è caccia al massone

Il dirigente generale del dipartimento regionale dell’energia presso l’assessorato omonimo chiede di sapere se ci sono dipendenti iscritti a qualche loggia. Bisi (GOI): “Un'iniziativa al di là del bene e del male”

10 Ottobre 2018 alle 17:33

Alla Regione Sicilia è caccia al massone

Il simbolo della Regione Sicilia (foto Imagoeconomica)

Roma. “I signori dirigenti dovranno acquisire dichiarazione di appartenenza o meno a logge massoniche o comunque riconducibili alla massoneria”. La Sicilia va oltre la legge Fava, appena approvata dall'Assemblea regionale, che obbliga i deputati regionali a dichiarare se sono iscritti a qualche loggia. Adesso vuole sapere anche se tra i dipendenti della Regione c’è qualche massone

Salvatore D’Urso, dirigente generale del dipartimento regionale dell’energia presso l’assessorato omonimo, in una lettera inviata ai suoi dirigenti ha chiesto di effettuare questa verifica. In una prima missiva, protocollata il 2 ottobre 2018 (foto sotto), l’ingegner D’Urso si era spinto ancora oltre, chiedendo addirittura una dichiarazione di “non sussistenza di rapporti familiari fino al II grado”.

 

 

 

In sostanza, l’obbligo per parenti fino al secondo grado (nonni, fratelli, figli) di dichiarare l’appartenenza alla massoneria. In una seconda lettera (foto sotto), protocollata il 4 ottobre, la disposizione è sparita. L’ingegner D’Urso ammette l’errore e spiega al Foglio: “Chi ha redatto l’ordine di servizio ha fatto confusione con la dichiarazione antimafia. Il resto però lo confermo. Io voglio sapere chi sono i massoni nel mio dipartimento, che come potrà immaginare è delicato”.

 

 

 

“Nella mia lunga carriera di dirigente pubblico - aggiunge D'Urso - ho incrociato l’organizzazione. Anche quando ero dirigente generale al Comune di Catania ho incontrato la massoneria. Al tempo avviai un’attività molto importante sui parcheggi sotterranei e il primo a osteggiarmi fu un funzionario del Comune notoriamente iscritto a una loggia massonica operante a Catania. Tra i miei avversari ho avuto anche Enzo Bianco, la cui appartenenza a una loggia inglese non è mai stata smentita e risulta da svariate testimonianze dei suoi fratelli massoni”. Stefano Bisi, Gran maestro del Grande oriente d’Italia, dice che questa è un’iniziativa “al di là del bene e del male. Stupisce che un alto dirigente possa autonominarsi legislatore. E’ una caccia all’uomo. Spero che gli amministratori della Regione prendano posizione su questa lettera scritta dal dirigente, che è inammissibile”.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi