cerca

Gigi e Dibba, belli appesi

Come i due improbabili alpinisti spagnoli che non sapevano più salire né scendere dalle Cime di Lavaredo, i due leader del M5s non sanno più che fare con il loro casino su Rousseau

3 Settembre 2019 alle 06:00

Gigi e Dibba, belli appesi

Foto LaPresse

Ci sono questi due babbei, o cime di rapa, che da tre giorni se ne stanno appesi, e tengono tutti quanti appesi, a un meccanismo più grande di loro che non hanno la tecnica per maneggiare. Si sono così intorcinati, nella parossistica situazione in cui si sono cacciati, che non sanno andare più né avanti né indietro. Sembrano Charlot nelle ruote dentate di Tempi moderni. Fosse solo questo. E’ che sono così presuntuosi, caratteristica della stupidità, che hanno pure rifiutato il soccorso di quelli che erano corsi a cercarli, bontà loro: piantatela lì, non ne uscite, venite con noi. Niente: ce la caviamo benissimo da soli. Secondo tentativo: guardate che finite male, andate a sbattere. Nossignore. Al terzo tentativo, dopo aver fatto perdere tempo e soldi a tutti, i due cervelloni si sono arresi, si sono fatti salvare e hanno confessato di essere stati convinti, per tre giorni, di essere da un’altra parte: quasi vicini ad avercela fatta. Quando i soccorritori hanno cercato di capire da quale pianeta di matti arrivassero questi due, hanno scoperto una cosa incredibile: avevano già fatto la stessa scemenza giorni prima, tentando di arrivare a vertici che non erano in grado di raggiungere. E pure quella volta hanno dovuto salvarli in extremis. Probabilmente state pensando a quei due improbabili alpinisti spagnoli che non sapevano più salire né scendere dalle Cime di Lavaredo, epperò scassavano i maroni. E forse state pensando: dovevano lasciarli lì, e s’arrangiassero. In realtà si sta parlando di Giggino e Dibba, appesi al loro casino su Rousseau in cui non saprebbero nemmeno loro dire se bisogna rispondere sì o no. Ecco, stavolta non ci sono dubbi: lasciateli lì, e speriamo che cadano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    04 Settembre 2019 - 13:01

    Anche l'Italia ha il suo Talleyrand /DiBattista e il suo Metternich/Dimaio e i media premurosi si appecoronano devoti e bavosi chiedendo ai due penzatori pillole di penziero.E poi c'è Casaleggio la Mente che sovraintende l'universo come nei romanzi di fantascienza. Ma gli italiani per vocazione vacanzieri pensano ad altro.

    Report

    Rispondi

  • jocat104

    03 Settembre 2019 - 08:08

    Gia' sarebbe bellissimo. Ma intanto ci hanno appeso pure noi a 'sta scemenza del voto sulla "piattaformarousseau", che ocmunque vada non ha senso, e meno che meno e' democratico, che il futuro di un Paese debba dipendere da questo

    Report

    Rispondi

Servizi